Profilo Azienda Foderami Dragoni Spa
90 anni all’insegna della qualità e della voglia di crescere

Mettere in piedi un’azienda nel 1929 (l’anno della 1° Grande Crisi) significava dimostrare grande coraggio e profonda fiducia in se stessi e nelle proprie capacità imprenditoriali, nonché forte attaccamento al lavoro e desiderio di fare qualcosa di nuovo

Luciano Landoni

GALLARATE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Mettere in piedi un’azienda nel 1929 (l’anno della 1° Grande Crisi) significava dimostrare grande coraggio e profonda fiducia in se stessi e nelle proprie capacità imprenditoriali, nonché forte attaccamento al lavoro e desiderio di fare qualcosa di nuovo.

Furono probabilmente questi i principali fattori che guidarono la decisione di Renzo e Aldo Dragoni, i due fratelli che appunto nel ‘29, in quel di Gallarate, una delle culle dell’industrializzazione italiana, fondarono l’Azienda Foderami Dragoni Spa.

Quest’anno festeggiate i vostri “primi” novant’anni d’attività, mica male in un periodo così complesso e così denso di incognite

“Abbiamo appena dato il via alla nostra nuova collezione primavera-estate per donna. Una bella sfida, per noi. La vogliamo vincere! Noi ci crediamo e vogliamo andare avanti”, dice Mariarosa Dragoni, presidente della società, 3° generazione imprenditoriale e figlia di Pierantonio Dragoni, figlio a sua volta di Aldo e scomparso nel 2017.

“Il Signor Pierantonio era una persona straordinaria – dice di lui Mario Rodoni, responsabile dell’area amministrativo-finanziaria della società -, con una sensibilità umana e culturale veramente unica. Mi ha insegnato moltissimo e ha trasmesso a tutti noi l’etica del lavoro e della qualità”.

L’Azienda Dragoni Spa commercia all’ingrosso tessuti, importando la materia prima greggia dall’Estremo Oriente e nobilitandola in Italia.

“Sì, è così. Siamo proprietari di una tintoria, la Sifta Srl di Milano, che tratta i tessuti. Qui a Gallarate – spiega Mario Rodoni – ci occupiamo della confezione dei tessuti che poi vengono immagazzinati”.

La clientela dell’Azienda Foderami Dragoni Spa (48 dipendenti e un fatturato annuo che sfiora i 20 milioni di euro) va dal piccolo commerciante alle grandi case di moda.

Siete un po’ il ‘termometro’ della condizione complessiva del settore tessile-abbigliamento?

“In effetti, occorre una certa lungimiranza nella costituzione delle scorte. Noi – specifica Mario Rodoni – collaboriamo con i principali stilisti proprio per intercettare tempestivamente le tendenze del mercato, anzi cercando di anticiparle. Gli appuntamenti per noi strategici a livello fieristico sono due: Milano Unica e Prémiere Vision a Parigi, veri e propri punti di riferimento per la moda internazionale. Adesso, come le ha già detto la nostra presidente, siamo impegnati in questa nuova sfida: la collezione primavera-estate donna. L’azienda si è sempre prevalentemente occupata della linea uomo”.

Il contesto nel quale operate è stato definito più o meno appropriatamente “maturo” e particolarmente esposto alla concorrenza internazionale. In che modo gestite sia il primo fattore (la maturità) che il secondo (la competitività)?

“Rispondo con una parola: qualità. Una qualità, ovviamente, dai molteplici aspetti: costante studio in merito ai nuovi prodotti, tipo i bio-tessuti; innovazione tecnologica continua in merito ai processi produttivi; grande attenzione rivolta verso l’ambiente e la dimensione etica del lavoro. Tutte condizioni che ci vengono richieste dalle grandi case di moda per le quali lavoriamo”.

Qual è la percentuale di fatturato che destinate al mercato internazionale?

“Circa il 25%. Mi riferisco alle esportazioni dirette – precisa Mario Rodoni -, includendo quelle indirette, vale a dire l’export delle griffe nostre clienti, la percentuale arriva quasi al 100%. I principali mercati di sbocco sono la Francia, la Germania, gli Stati Uniti, il Portogallo, la Russia”.

Dico Industria 4.0, lei cosa replica?

“Qual è il segno distintivo di questa specifica tecnica produttiva? L’interconnessione. Ossia, la capacità di macchine e impianti di ‘parlare’ fra di loro. Nella nostra area confezione abbiamo completamente aggiornato tutti i sistemi informatici così da renderli ‘dialoganti’ con il magazzino e la gestione aziendale”.

Della serie: radici profonde e visioni moderne.

“Ci stiamo attrezzando – conclude la presidente Mariarosa Dragoni – per traguardare i 100 anni di storia e andare oltre”.

Copyright @2019