Serata informativa giovedì 15 marzo
A Olgiate il Controllo di Vicinato è una realtà. Nuove adesioni in vista

L’Amministrazione organizza una serata in cui si parlerà di sicurezza; al centro dell’attenzione il Controllo di Vicinato che in paese vede già 17 gruppi e 500 famiglie attivi

Loretta Girola

Olgiate Olona

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Mentre altrove fa ancora fatica a concretizzarsi, a Olgiate il Controllo di Vicinato è una realtà ben radicata che coinvolge 17 gruppi e 500 famiglie; la sua popolarità, poi, è aumentata dopo quanto avvenuto nelle scorse settimane al Gerbone, portando numerose persone che non ne fanno ancora parte a interessarsi.

Anche per questo è stata organizzata, per giovedì 15 marzo alle 21, presso il teatrino di Villa Gonzaga, una serata in cui si parlerà di sicurezza e del ruolo importante che tutti i cittadini olgiatesi possono avere per prevenire la microcriminalità e ridurre il verificarsi di reati contro la proprietà e le persone, attivando forme di collaborazione con le Forze dell’Ordine.

“Si farà il punto del progetto di Controllo del Vicinato – spiega l’Amministrazione – già attivo a Olgiate dal 2013, un programma che prevede l’auto-organizzazione tra vicini per controllare l’area intorno alla propria abitazione, e che in paese ha già dato risultati interessanti. Questa attività svolta in maniera organizzata e ufficializzata dalla Polizia Locale, attraverso la compilazione formale di un modulo di adesione, viene segnalata tramite appositi cartelli, per comunicare a chiunque transiti nell’area interessata al controllo che le situazioni anomale verranno comunicate immediatamente alle Forze dell’Ordine. La “conoscenza del vicino” è uno dei pilastri del CdV, che non presuppone atti eroici, non ha funzioni repressive, non prevede un “controllo dinamico del territorio (ronde)” né, tantomeno, invita ad acciuffare il malvivente, che resta prerogativa delle Forze dell’Ordine”.

“L’isolamento e la privacy, sono nemici della sicurezza e quindi dobbiamo cercare di recuperare i rapporti di fiducia coi nostri vicini – sottolinea il Sindaco Gianni Montano – sapere di non sentirsi soli è il primo passo per non avere paura”.

“Per progettare un colpo, i malviventi normalmente passano più volte davanti alla casa prescelta – ribadisce il Comandante della Polizia Locale Alfonso Castellone – non sono fantasmi, basta prestare un minimo di attenzione, non girarsi dall’altra parte o far finta di nulla delegando ad altri il problema, e allertare subito le Forze dell’Ordine. I cittadini che vorranno aderire al progetto saranno chiamati ad essere delle vere e proprie sentinelle dei quartieri, operando una vigilanza nella propria zona, condominio o strada, in modo da poter segnalare eventuali anomalie o presenza di persone o auto sospette; insomma, come si dice in lombardo: Fa balà l’öcc!”.

“La sicurezza è un bene prezioso: aiutateci a difenderla! – conclude l’Assessore Gabriele Mario Chierichetti – il senso di vicinanza, unito alla certezza che al suono di un allarme, a un’invocazione di aiuto o di fronte a qualunque altra situazione anomala ci sia un tempestivo intervento del vicinato, fa sì che ci si senta maggiormente protetti all’interno della propria abitazione e della propria area, rafforzando nel contempo i legami all’interno di una comunità più unita e consapevole”.

Copyright @2018