NEL FRATTEMPO SLITTA IL CONSIGLIO COMUNALE A BUSTO
Accam, Bordonaro e Bilardo si dimettono

La presidente Bordonaro e il consigliere Bilardo si sono dimessi dal cda di Accam. Nel frattempo, slitta il consiglio comunale in cui si sarebbe discusso delle questioni legate alle indagini

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Dopo gli arresti, le dimissioni. Martedì la presidente Laura Bordonaro e il consigliere Alberto Bilardo si sono dimessi dal consiglio di amministrazione di Accam. A stretto giro di posta, gli altri membri del cda (Fabio Tonazzo, Annalisa Carù e Gabriella Calvi) hanno rimesso l’incarico.
La situazione, già complessa prima dell’indagine che ha colpito la politica e alcune società pubbliche della provincia, è delicatissima, in attesa dell’assemblea dei sindaci fissata per il 21 maggio.

Proprio il 21 maggio si sarebbe dovuto tenere a Busto Arsizio un consiglio comunale particolarmente atteso, poiché sarebbe stata l’occasione di affrontare – perlomeno dal punto di vista politico – le questioni emerse dalle indagini.

La seduta, invece, è stata posticipata al 28 maggio. Lo slittamento è stato richiesto dal sindaco Emanuele Antonelli per avere il tempo di esaminare più approfonditamente una delibera relativa a un’acquisizione di Agesp Energia.
Le opposizioni – e in particolare il Movimento 5 Stelle, molto combattivo su questo punto – avrebbero però voluto evitare lo slittamento di una settimana, per discutere al più presto delle ripercussioni dell’inchiesta.

La questione è stata messa ai voti nell’ufficio di presidenza di martedì sera e a prevalere è stata l’opzione del rinvio, sostenuta dai capigruppo di maggioranza a cui si è unito Paolo Efrem di Busto Grande.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA