In manette per induzione alla prostituzione di una minorenne
Adesca una quattordicenne in chat e le offre soldi per sesso, arrestato

L’uomo avrebbe promesso ricariche del cellulare e soldi ad una ragazzina per avere sesso. Arrestato dagli agenti del Commissariato di Gallarate

gallarate

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Lunedì scorso, una quattordicenne accompagnata dal padre si è presentata in Commissariato a Gallarate. La ragazzina, visibilmente scossa, ha raccontato di essere stata adescata sui social network da un uomo adulto che le inviava immagini e video mentre compiva atti sessuali. L’uomo le chiedeva con insistenza di poterla incontrare in un noto parcheggio della città, rendendosi disponibile ad effettuare ricariche telefoniche o a darle del denaro per comprarsi vestiti.

Immediatamente sono stati organizzati servizi di appostamento nei pressi del luogo deputato all’incontro tra la ragazzina ed il pedofilo, ma dopo numerosi contatti telefonici tramite la chat di un noto social network, l’adescatore non si è presentato all’appuntamento.

 

A questo punto i poliziotti hanno raccolto la denuncia circostanziata della minore, venendo a conoscenza di ulteriori particolari raccapriccianti.

Da questo momento in poi gli investigatori del Commissariato di Gallarate, in stretto contatto con il Sostituto Procuratore Maria Cristina Ria della Procura di Busto Arsizio, vista la delicatezza della situazione, hanno monitorato giorno e notte il profilo della giovane vittima.

L’adescatore ha nuovamente e insistentemente tentato di corrompere la ragazzina promettendo denaro. In più ha continuato ad inviare video a sfondo sessuale in una escalation di proposte.

Venerdì 7 aprile si è presentato all’appuntamento concordato in chat, convinto di poter incontrare la sua vittima, ma al suo posto ha trovato gli agenti del Commissariato di Gallarate che lo hanno arrestato per induzione alla prostituzione di una minorenne e condotto in carcere a Busto Arsizio.

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA