MALE BEATA E ARDOR. LA BORSANESE PAREGGIA SENZA RETI
Al Cas il primo derby 2018. Busto 81 schiacciasassi, crolla la San Marco

Se lo aggiudica il Cas il primo derby bustocco dell’anno, contro i giallorossi dell’Antoniana. Il Busto 81 schianta la Castellanzese, cadono San Marco, Beata e Ardor. Pareggio senza reti per la Borsanese

Riccardo Torresan

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Giornata per grandi appassionati, con scontri e rivalità di lungo corso, nonché il primo (e molto atteso) derby bustocco del 2018. Lasciamo, come sempre, la parola ai campi. Analisi, risultati e commenti sono già pronti per viaggiare sulla bocca di tutti.

Eccellenza

Busto 81-Castellanzese: 4-0

Vittoria campale per il Busto 81 di Danilo Tricarico, che schianta la storica rivale Castellanzese. Il primo tempo è, a dir la verità, piuttosto equilibrato, con le due formazioni che studiano i reciproci punti deboli. Il solo acuto arriva dalla parte dei biancorossi, che trovano il vantaggio con D’Ausilio al 20′. Nella ripresa, invece, i neroverdi di Emiliano Palazzi cambiano tattica, provando a scoprirsi di più per cercare il pareggio. Troppo inquadrati, però, i tori bustocchi, che non perdono la concentrazione ed infilano tre contropiedi letali con D’Ausilio (10′) e Scapinello (28′ e 43′). Al triplice fischio dell’arbitro, il risultato è già ampiamente deciso.

“Nulla da dire – commenta l’allenatore – se non che i ragazzi si sono resi autori di una grande prestazione. Siamo sempre stati in controllo e il livello di attenzione è rimasto alto per 90 minuti”.

Nel frattempo, pareggiano i lilla del Legnano, che nello scontro con il Calvairate non vanno oltre l’1-1.

Prima categoria

Cas-Antoniana: 4-2

Sono gli uomini di Luciano Cau ad aggiudicarsi lo scontro di giornata, ricco di gol e di emozioni. La partita si accende subito con l’alta intensità dei biancoblù, che però subiscono la puntura dell’Antoniana al 15′ del primo tempo con Zaro su calcio d’angolo. A questo punto la sfida si fa equilibrata, tanto che Alessi riporta i sinaghini sull’1-1 al 25′. Ancora qualche occasione sprecata, ed il primo tempo si chiude in equilibrio. Nella ripresa, il Cas sembra più aggressivo ed insacca per primo, con un rigore oggetto di contestazioni, ma comunque realizzato da Turconi (10′). Dopo soli cinque minuti, i padroni di casa beneficiano di un nuovo calcio dagli 11 metri, centrato stavolta da Falvella: un episodio, questo, che suscita però ancor più critiche da parte dei giallorossi. La tegola definitiva arriva al 25′, quando Turconi realizza la sua doppietta su un calcio d’angolo e chiude la questione. L’Antoniana, da parte sua, tenta il tutto per tutto nei minuti finali e accorcia le distanze con Pignataro. Ormai, però, è il novantesimo, e lo scontro si chiude.

Soddisfatto mister Cau: “Il nostro atteggiamento è stato positivo. Nel girone d’andata, quando subivamo gol di accasciavamo su noi stessi. Oggi invece abbiamo saputo reagire con forza e mettere in campo il nostro potenziale”.

Di tutt’altra idea il tecnico giallorosso, Davide Airoldi: “Non sono per niente contento dell’arbitraggio, che è stato evidentemente gestito male, con decisioni sbagliate. Abbiamo dato tutto sul campo ma oggi non è bastato”. 

Fagnano-San Marco: 4-0

Non certo la migliore delle giornate per i leoni alati di Madonna Regina, che si scontrano con la capolista Fagnano. Nel primo tempo, gli uomini di Stefano Rasini danno filo da torcere ai padroni di casa, con un buon atteggiamento e tanta grinta. Nonostante qualche occasione, però, il Fagnano sfrutta una miglior concretezza e infila due gol, aiutato anche da un paio di errori del reparto difensivo biancoazzurro. Nel secondo tempo la storia si ripete, salvo una San Marco apparentemente più stanca e in difficoltà, sia fisica sia mentale. Negli ultimi minuti i bustocchi provano qualche ultimo assalto, ma ne ricavano un paio di contropiedi fatali che mandano di nuovo in gol gli avversari.

“Il risultato finale è severo – ammette mister Rasini – ma i ragazzi si sono comportati bene, soprattutto nel primo tempo. Il loro atteggiamento è stato quello giusto, e oggi non potevamo sperare di vincere con troppe probabilità. Dovremo migliorare nel concretizzare le occasioni che ci creiamo”.

Seconda categoria

Arnate-Beata Giuliana: 4-1

Passo indietro, stavolta, per i ragazzi di Alfredo Rossetti. Il primo tempo sembra volgere a favore dei rossoblù, che si portano in vantaggio grazie a Ciuciu che trasforma un rigore. Sull’1-0 si chiude, quindi, il primo tempo. Nella ripresa, però, il Beata sembra cambiare atteggiamento e ridurre di intensità, così che i padroni di casa ne approfittano Alla fine, sono 4 i gol insaccati dall’Arnate nei 45 minuti del secondo tempo, sancendo una prestazione sottotono dei bustocchi.

“Non abbiamo tenuto il giusto atteggiamento – si rammarica l’allenatore – e abbiamo fatto un passo indietro. Adesso ci rimboccheremo le maniche per le prossime giornate”.

Calcio Lonate Pozzolo-Borsanese: 0-0

Prestazione in generale positiva, quella imbastita dalla Borsanese di Davide Tomanin. Il primo tempo vede i biancoazzurri capaci di creare diverse occasioni, ma senza trovare la zampata vincente. Poco prima della pausa di metà gara, inoltre, i padroni di casa restano in 10, condannandosi a giocare un tempo in inferiorità numerica. Nella ripresa, però, i bustocchi non riescono a far fruttare l’uomo in più, mancando nell’acuto finale.

Comunque soddisfatto mister Tomanin: “Una partita concentrata, con pochissimi errori e buon livello di attenzione. Mancava il gol, ma la strada è quella giusta”.

Terza categoria

Mocchetti-Ardor: 2-0

Giornata storta per mister Fabio Colombo, che vede la sua Ardor incappare in una prestazione poco positiva. Va detto, il pronostico non favoriva comunque gli azzurri, che si trovavano di fronte una formazione probabilmente superiore, al momento. Sia nel primo sia nel secondo tempo, però, gli ardorini sembrano non trovare la grinta e la voglia di lottare che li contraddistingue, lasciando il pallino del gioco al Mocchetti. Nell’ultimo quarto d’ora di partita, i padroni di casa trovano per due volte il gol, complice anche l’inferiorità numerica dei bustocchi, che chiudono la partita con poco di fatto.

“Oggi la mia squadra non mi è piaciuta – commenta mister Colombo – nonostante vada riconosciuto il merito degli avversari. Servono più cattiveria, più grinta e voglia di vincere. Altrimenti rischiamo anche contro chi è sotto di noi in classifica”.

Copyright @2018