NUOVO PROGETTO A CONTATTO CON LA NATURA
Al Parco Alto Milanese si diventa piccoli esploratori

I bambini che frequenteranno il Parco Alto Milanese potranno vivere un’avventura straordinaria. Accompagnati dall'esploratore Michael Bolognini, attraverso percorsi nei boschi, scopriranno la natura come palestra di vita

GIOGARA

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Accendere un fuoco, realizzare piccoli bivacchi  nel bosco, certamente divertendosi a giocare ma non solo. Accompagnati da Michael Bolognini, guida esperta, amante della natura e collaboratore di alcune note trasmissioni televisive ( “In Forma con Starbene”), i bambini che frequenteranno il Parco Alto Milanese potranno trasformarsi in piccoli esploratori e vivere un’avventura straordinaria a contatto con la natura.

Laura Rogora, presidente del Parco Alto Milanese, insieme al consigliere comunale Orazio Tallarida, ha presentato una nuova iniziativa che coinvolgerà  bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie. Un progetto proposto da Michael Bolognini “per scoprire la natura come palestra di vita”: “Attraverso percorsi avventurosi insegniamo le tecniche di vita in natura, il senso del rispetto, l’importanza del lavoro di squadra – spiega Bolognini – i bimbi potranno vivere una bella esperienza dentro il bosco, un percorso formativo coinvolgente ed emozionante che si lega anche alla materie che studiano a scuola. Attraverso strumenti preistorici, come un acciarino medioevale, vedranno come si può accendere un fuoco, tutto ciò si lega ad esempio alla fisica e alla chimica e naturalmente alla storia. L’obiettivo è quello di accendere  la curiosità dei più piccoli invogliandoli ad apprendere tutto ciò che la natura può insegnare. È un’esperienza che aiuta i bimbi, ma anche gli adulti, a superare le proprie insicurezze e a scoprire il potenziale enorme che c’è dentro di loro”.

Rogora ha accolto con grande entusiasmo il progetto, completamente gratuito, che sottoporrà presto al consiglio di amministrazione e diverrà operativo con l’inizio delle scuole: “Vogliamo far conoscere il parco attraverso tutte le sue sfumature. È uno stimolo per la crescita dei bambini che apprendono norme di sopravvivenza  ma anche di educazione civica attraverso la natura”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA