IN TRASFERTA BUSTO 81, BEATA GIULIANA E BORSANESE
Campionato, su il sipario: in casa Antoniana, Cas, San Marco, San Filippo e Ardor

Torna in grande stile il campionato dilettanti, che riparte questa domenica alle 15.30. Tutto pronto nelle società bustocche, che rispolverano ambizioni e speranze dopo il periodo estivo, passato tra calciomercato e dure sessioni di preparazione.

GioGara

Riccardo Torresan

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Ci siamo. Finalmente, dopo un’attesa durata circa tre mesi, riparte il campionato dilettanti. Una nuova stagione si appresta ad inscenare i propri drammi, le proprie vittorie e sconfitte, i propri momenti di gloria e le emozioni che solo il calcio sa dare ai suoi appassionati. Le società bustocche, che abbiamo seguito nei mesi estivi, si sono evolute attraverso il calciomercato e la fase di preparazione, ormai ultimata. Restano intatte le ambizioni, la voglia di vincere e la volontà di dare tutto su quel rettangolo verde che tanto fa sognare.
Per tutte le squadre, il fischio d’inizio è fissato – questa domenica – alle ore 15.30.

Eccellenza
Neanche il tempo di ambientarsi nella sua nuova casa, il “Chinetti” di Solbiate Arno, ed il Busto 81 è già costretto a spostarsi in trasferta. I biancorossi di mister Danilo Tricarico, infatti, saranno ospiti del Città di Vigevano, al centro sportivo “Piero Antona”, in corso Togliatti, a Vigevano. Un esordio che, senza dubbio, costituirà un primo termometro importante per saggiare la condizione reale di Ferri e compagni, privi nell’occasione dell’infortunato Giovio e con Castagna non ancora al top della forma.

Prima categoria
Partono tutte in casa, invece, le bustocche di Prima categoria.

Prima tra queste l’Antoniana che, sotto la guida del neo mister Giovanni Canestrale, ha cercato di imprimere una svolta drastica al progetto della prima squadra. Un progetto che di certo, nelle aspettative della dirigenza, dovrà rivelarsi vincente. Prima occasione per fare ciò, riscattando anche le delusioni di Coppa, sarà sul prato di casa, in via Ca’ Bianca, contro la Solbiatese Insubria.

Riparte da dove si era interrotto il Cas. In quel di via Montegrappa (dove si giocherà questa domenica), in realtà, si spera in un salto di qualità, dopo la parziale delusione dello scorso anno. Piena fiducia della società all’allenatore Luciano Cau, riconfermato alla guida dei biancoblù. Il tecnico, in questa prima giornata, dovrà preparare i suoi ad affrontare il Tradate, formazione già pericolosa nella scorsa stagione. Conteranno la preparazione, l’integrazione dei nuovi acquisti, così come il fattore campo.

Dopo una stagione da rookie di categoria, la San Marco è pronta a puntare ancora più in alto. Dopo le soddisfazioni toltisi lo scorso anno, infatti, i leoni alati di patron Petenà hanno fame di vittorie e di risultati importanti. La prima si giocherà sull’erba di via Villoresi, contro la Vanzaghellese. Sarà un test per la squadra ma anche per il nuovo allenatore, Paolo Marchiorati, giovane ma di grande esperienza.

Seconda categoria
Ai nastri di partenza anche il Beata Giuliana, che resta coi piedi per terra ma confida nelle proprie potenzialità. Dopo un campionato di risultati potenzialmente ottimi ma con tanti sprechi, i rossoblù del presidente Bruno Tridico hanno tutte le intenzioni di lasciarsi alle spalle quanto accaduto. Per ripartire, però, l’allenatore sarà lo stesso, Alfredo Rossetti: a lui il compito di amalgamare i nuovi acquisti con le vecchie colonne della rosa, in vista di un salto di qualità. In apertura di campionato, il Beata si sposta in trasferta, sul campo del Gorla Minore. Appuntamento al centro sportivo di piazza dello Sport, a Gorla.

Aria di novità anche per la Borsanese, che vede il suo ex capitano ad occupare – definitivamente – il posto di allenatore. Sarà infatti Davide Tomanin a guidare, dalla panchina, i suoi ex compagni di squadra verso il risultato di prestigio che, a Borsano, si attende ormai da troppo tempo. Il primo impegno dei biancoazzurri sarà contro l’Airoldi. Anche in questo caso, in trasferta, al centro sportivo di via Vivaldi, a Origgio.

Terza categoria
Occhi puntati su quello che, forse, è l’esperimento più ardito della torrida estate calcistica bustocca. L’Ardor, fresca del nuovo allenatore Matteo Gastaldello, ha infatti spostato in prima squadra l’intera juniores, tentando una rifondazione che – dovesse funzionare – avrebbe dell’incredibile. La prima prova per testare questo esperimento vede gli azzurri opposti al San Luigi Pogliano: si giocherà in casa dei bustocchi, sul campo di via Bergamo. Motivo in più per stupire fin dal principio.

Ultimo ma non ultimo, rientra alle competizioni (con grande gioia di tutti i tifosi) il San Filippo, che si porta sulle spalle un’importante tradizione da onorare. Dopo lo stop, la società si è affidata alle sapienti mani di Diego De Bernardi, che torna alla “sua” San Filippo dopo averla già guidata per tanti anni. Nelle sue mani, la responsabilità di guidare la squadra verso la ripartenza. In particolare, questa domenica, contro la Poglianese. A vantaggio dei bustocchi anche il fattore campo, dato che si giocherà sul prato di via Varese.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA