JOINT VENTURE
Antoniana, San Carlo e Vema Farma “insieme per eccellere”

Presentata la partnership tra Antoniana, Istituto Clinico San Carlo e Vema Farma. Per i giallorossi attrezzature sanitarie per tutto l’anno, borse e giubbotti invernali. "Puntiamo all'eccellenza” il commento del dg Abenante

Riccardo Torresan

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

L’Antoniana, da quest’anno, farà squadra fissa con Vema Farma e San Carlo Istituto Clinico. È quanto emerso dalla conferenza stampa indetta venerdì 8 settembre, in cui è stata presentata la joint venture fra i tre enti.

A fare da rappresentanti ufficiali il direttore generale dell’Antoniana Giuseppe Abenante, l’ad dell’Istituto Clinico San Carlo Sara Tosi e l’amministratore unico di Vema Farma Mario Venzaghi. “Da tempo sosteniamo l’Antoniana – ha esordito Tosi – gestendo le visite medico-sportive e offrendo agevolazioni ai suoi atleti. Crediamo nei valori e nel progetto che questa società difende, prendendosi cura a trecentosessanta gradi dei propri allievi”.

L’istituto di via Castelfidardo fornirà una serie di borse sponsorizzate per contenere le attrezzature sanitarie di primo soccorso. Inoltre, gli atleti di via Ca’ Bianca godranno di un centro diagnostico dotato delle più avanzate attrezzature e dei migliori specialisti. Infine, saranno intensificati gli eventi collaborativi, tra cui serate di sensibilizzazione dedicate ai genitori od ai ragazzi.

Alto anche l’impegno di Vema Farma, come testimonia il suo amministratore. “Siamo orgogliosi di poter dare il nostro contributo a questa partnership, aiutando una società che conosciamo bene”.

La società di Venzaghi fornirà per tutta la stagione gli strumenti di primo soccorso a tutte le 14 squadre dell’Antoniana. In più, i ragazzi riceveranno dei nuovissimi giubbotti invernali per scendere in campo nei mesi più freddi.

“Non potremmo essere più felici”, commenta Abenante. “Siamo grati a questi enti perché ci aiutano concretamente, alleggerendoci di un onere non da poco. Inoltre, questa partnership alza il livello della nostra società anche sul piano sanitario. Puntiamo ad essere sempre più un polo di eccellenza sotto tutti gli aspetti di crescita dei giocatori e questo è un grande passo avanti”.

I dirigenti giallorossi stanno anche lavorando con il Comune per la bonifica dell’intera area oggetto della loro convenzione. “Gli iscritti aumentano – riprende il dg – e noi li accogliamo volentieri, ma ci servono strutture adatte. La nostra sede, così come il campo antistante, necessitano di più attenzioni”.

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA