I NUOVI STRUMENTI FINANZIARI “SPIEGATI” ALLA LIUC
Aprire i capitali: una possibilità per le piccole industrie

CASTELLANZA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Quali sono i principali vantaggi per le imprese che scelgono di aprire il capitale a nuovi azionisti? Quali, in particolare, le opportunità per le PMI? Una giornata di confronto organizzata dalla Scuola di Economia e Management della LIUC – Università Cattaneo per fare il punto sugli strumenti a disposizione delle imprese e mettere a confronto le esperienze di chi ha intrapreso questo percorso.
L’incontro, dal titolo “L’apertura del capitale per la continuità e lo sviluppo delle imprese”, si svolgerà lunedì 22 gennaio dalle ore 15.00 ed esplorerà le differenze esistenti tra diverse opzioni: mercato di borsa, fondi di investimento, business angel.

“In particolare per le PMI – spiega il prof. Alessandro Cortesi, Ordinario di Contabilità e Bilancio della Scuola di Economia e Management della LIUC – Università Cattaneo – l’apertura del capitale può garantire diversi benefici tra cui l’accesso a risorse finanziarie di tipo stabile ma anche alle competenze dei nuovi soci e ai loro network. Non solo vantaggi economici, dunque, ma anche in termini di know how e relazioni. Non da ultimo, si ottiene un vantaggio sulla reputation grazie ad alcuni controlli che permettono di fornire a terzi garanzie sulla compliance. Naturalmente, questa strada e le relative opportunità nascono solo laddove l’azienda abbia piani di sviluppo ben precisi per il futuro”.

I dati relativi all’utilizzo dei diversi strumenti parlano di un trend in crescita negli ultimi anni: ad esempio, con riferimento al solo segmento del Private Equity, l’Osservatorio Private Equity Monitor – PEM® della LIUC Business School ha mappato nell’ultimo triennio a livello nazionale oltre 300 operazioni di buy out ed expansion, con una forte crescita che ha portato l’attività a livelli pre – crisi.

Dopo i consueti saluti da parte del rettore della LIUC, Federico Visconti, si entrerà nel vivo del tema con una serie di interventi (Fabio Brigante di Borsa Italiana, Anna Lambiase di IRTop Consulting ed Enrico Ricotta di mandarin Capital Partners) e soprattutto attraverso una tavola rotonda moderata dalla Prof.ssa Anna Gervasoni (Ordinario di economia e gestione delle imprese alla LIUC) a cui prenderanno parte: Guido Cami, ad di Industrie Chimiche Forestali; Marco Crespi, responsabile area credito e finanza di UNIVA; Alessandro Rosso, ad di TPS Spa; Lorenzo Perego, responsabile finanza e controllo di MPG Spa e Giorgio Chirivi, responsabile finanza straordinaria PMI di UBI Banca.

Copyright @2018