SI TRATTA DI UN’OPERA OLTREMODO NECESSARIA
“Aprite il sottopasso carrabile di via Morelli”

Da sempre uno dei punti più a rischio d’incidente nella zona che si trova al confine tra busto e Castellanza è il ponticello di via Morelli; a lanciare l’ennesimo appello per trovare una soluzione al problema è il Segretario del Pd castellanzese Alberto Dell’Acqua

Loretta Girola

castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Da sempre uno dei punti più a rischio d’incidente nella zona che si trova al confine tra busto e Castellanza è il ponticello di via Morelli, che, pur trovandosi su un’arteria molto trafficata, permette il passaggio di un’auto alla volta, senza alcuna visibilità dei veicoli in arrivo nel senso di marcia opposto.

Nel corso degli ultimi anni sono stati in molti ad affrontare questo argomento, sia a livello comunale che regionale, ma nonostante le richieste, la situazione è ancora invariata anche se per risolvere il problema basterebbe concludere il sottopasso carrabile situato in prossimità della stazione di Castellanza, che da moltissimo tempo versa incompiuto in stato di abbandono.

A lanciare l’ennesimo appello, con la speranza che questa volta l’esito sia diverso dal passato, è il Segretario del Pd castellanzese Alberto Dell’Acqua, che spiega come: “il sottopasso carrabile di Via Morelli, che è pronto ma che versa in stato di abbandono, è diventato ormai oltremodo indispensabile a fini viabilistici. È impensabile continuare a lungo con lo stato attuale della viabilità: il ponticello di via Morelli, oltre a rallentare lo scorrere dei mezzi, essendo a senso alternato, è assolutamente pericoloso in termini di sicurezza stradale; vi sembra possibile e normale che nel 2019 sia necessario segnalare la propria presenza a colpi di clacson per evitare di fare un frontale con altri veicoli? È inconcepibile!

Nonostante il progetto del raccordo ferroviario a Y, a cui il sottopassaggio carrabile è strettamente legato, risulti tra le priorità realizzative del ministero dei trasporti, potrebbero volerci moltissimi anni prima che i lavori partano in maniera effettiva. Tramite il consigliere regionale Samuele Astuti abbiamo più e più volte sollecitato Regione Lombardia affinché intervenga su questo progetto e su questa situazione, e dia una soluzione ad un problema a dir poco annoso, sperando che, per una volta, la risposta sia celere. Tuttavia se c’è qualcosa che la politica nazionale ci sta insegnando bene in queste settimane, con il progetto TAV, è che la Lega è campionessa olimpica nell’arte di rimandare decisioni fondamentali al di là di tempi ragionevoli. Come sempre, tanto fumo e molto poco arrosto.”

Copyright @2019