PER UN ALTRO UOMO SCATTA IL DIVIETO DI AVVICINAMENTO
Arrestato nella giornata contro la violenza sulle donne

Proprio nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne, gli agenti del Commissariato della Polizia si sono occupati di due casi che hanno visto altrettante donne vittime di violenze e persecuzioni da parte dei loro ex

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Proprio nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne, gli agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio si sono occupati di due casi che hanno visto altrettante donne vittime di violenze e persecuzioni da parte dei loro ex.

Nel primo i poliziotti dell’ufficio che si occupa di reati contro le cosiddette “fasce deboli” hanno notificato a un trentasettenne italiano la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla ex moglie, nei confronti della quale da tempo metteva in atto una vera e propria persecuzione, generata dalla mancata accettazione della fine del rapporto, che si concretizzava in ripetute minacce telefoniche, appostamenti sotto casa e vere e proprie aggressioni fisiche agevolate anche dall’abuso di alcol. Lo stalker, tra l’altro, era già stato arrestato nel 2015 dai poliziotti e condannato per lo stesso reato, ma evidentemente le vicissitudini giudiziarie non erano state sufficienti per mettere un freno alle sue intemperanze.

Inoltre, nella notte tra sabato e domenica, alle 3.30 circa, la volante è dovuta intervenire presso l’abitazione di una donna spaventata dall’ex compagno che picchiava i pugni contro la porta di casa pretendendo di entrare. Appena arrivati sul pianerottolo gli agenti si sono imbattuti nell’uomo, un quarantaduenne italiano con precedenti, che stava urinando contro l’uscio e appariva in uno stato di forte agitazione dovuta anche al chiaro abuso di alcol. L’esagitato non voleva sentire ragioni insistendo per entrare nella casa della ex, tanto da scagliarsi contro i due poliziotti che gli impedivano fisicamente l’accesso colpendone uno al volto con una gomitata e mordendo l’altro a una mano, il tutto accompagnato da minacce di morte. Gli agenti, dopo averlo bloccato e aver verificato che su di lui pendeva già una denuncia per atti persecutori presentata dalla ex compagna, lo hanno arrestato in flagrante resistenza a pubblico ufficiale.

Copyright @2018