Operazione della Volante
Arrestato pregiudicato che faceva il “palo” nel bosco dello spaccio

Un pregiudicato che faceva il “palo” per uno spacciatore dei boschi è stato arrestato dalla volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto. Si tratta di un 48enne che ha pure minacciato gli agenti con una siringa sporca di sangue

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Un pregiudicato che faceva il “palo” per uno “spacciatore dei boschi” è stato arrestato dalla volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio.

La pattuglia, perlustrando la via per Buscate di Busto Arsizio, ai margini di una zona boschiva ha notato movimenti sospetti. I poliziotti hanno dapprima fermato un uomo che usciva dal bosco in auto, sequestrandogli una dose di eroina e una di cocaina destinate al suo consumo personale e immediatamente dopo hanno localizzato a poca distanza, in direzione del bosco, il “palo” e uno spacciatore nordafricano. Mentre il nordafricano riusciva a fuggire nella boscaglia, il complice si parava davanti agli agenti impugnando una siringa sporca di sangue minacciandoli di trasmettere loro l’Aids.

I poliziotti, faticosamente, sono riusciti a bloccarlo, trovandolo in possesso anche di un coltello a serramanico. L’uomo, un italiano di 48 anni con precedenti di Polizia, residente nel legnanese, è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e indagato per spaccio di droga e possesso di coltello.

Sulla strada del ritorno in Commissariato, gli agenti hanno notato un giovane in sella a un ciclomotore che, alla vista dell’auto della Polizia, ha iniziato una fuga cercando a più riprese di seminare la pattuglia con manovre spericolate. I poliziotti sono riusciti a bloccare e identificare il centauro, un diciottenne italiano residente in città, e a denunciarlo per resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione dello scooter, che è risultato rubato.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA