Agenti feriti, spacciatore in manette
Arrestato il pusher col martello delle “quattro strade”

Un uomo che spacciava droga nei boschi armato di martello è stato arrestato, sabato 25 novembre, dopo una colluttazione con gli agenti del Commissariato cittadino

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Un uomo che spacciava droga nei boschi armato di martello è stato arrestato, sabato 25 novembre, dopo una colluttazione con gli agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio. Poco prima di mezzogiorno una pattuglia che perlustrava le “quattro strade” ai confini tra Busto e Vanzaghello, ha notato un uomo che, alla vista dell’auto della polizia, è rapidamente entrato nella boscaglia. Gli agenti, sapendo che quei luoghi sono interessati dal fenomeno dello spaccio di droga, hanno deciso di seguire il sospetto e si sono incamminati su un sentiero sterrato, dove lo hanno raggiunto e bloccato.

Resisi conto che si trattava di un tossicodipendente che aveva appena acquistato la sua dose da un pusher, i poliziotti hanno continuato ad addentrarsi tra la vegetazione e poco dopo, in uno spiazzo, si sono imbattuti in un uomo seduto su una sedia, davanti a un tavolino riparato dalla pioggia con un telo e affiancato da un braciere per la cottura dei cibi. Tutto attorno alla sua postazione vi erano dei tronchi d’albero, posati a terra allo scopo di impedire alle auto delle forze dell’ordine di avvicinarsi.

Appena accortosi della presenza degli agenti, il pusher ha raccolto da terra un martello e, incurante delle intimazioni a fermarsi, si è scagliato contro i tutori dell’ordine. Ѐ stato quindi necessario affrontarlo e ridurlo all’impotenza dopo avergli tolto il martello di mano.

Addosso l’uomo aveva circa 80 grammi tra eroina e cocaina, 85 Euro frutto della droga venduta fino a quel momento e quattro telefoni cellulari sui quali continuavano ad arrivare richieste di droga dagli ignari clienti. Sul tavolino vi erano invece un bilancino elettronico, bustine di plastica e rotoli di cellophane e carta stagnola, tutto il necessario cioè per pesare e confezionare le dosi da vendere.

Lo spacciatore, privo di documenti e identificato grazie alle impronte digitali come un marocchino di 34 anni senza fissa dimora e con precedenti per droga e rapina, è stato arrestato per detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale e condotto in carcere. Due degli agenti nella colluttazione hanno riportato lesioni guaribili in 10 giorni.

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA