FESTA
Arriva Ferragosto

Arriva Ferragosto con tutte le sue contumelie. Se ne sentono di tutti i colori. Alcune con furore, con disprezzo, con un'acredine che non sta bene a sentire e nemmeno a vedere

Gianluigi Marcora

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Arriva Ferragosto con tutte le sue contumelie. Se ne sentono di tutti i colori. Alcune con furore, con disprezzo, con un’acredine che non sta bene a sentire e nemmeno a vedere. Tuttavia, le ….scorgi e le vivi con ipotesi di perplessità. Come a dire che a nessuno sta bene la realtà e che si vorrebbe viverne un’altra. In giro ci sono le strade “strapazzate” e si critica per il disagio. Si eseguono lavori su “arterie” importanti per lo scorrimento del traffico e si impreca per i mancati guadagni. Si vuol cambiare il volto (e anche lo stile) della città, ma il lavoro deve essere eseguito celermente.

Per il centro storico si sbuffa. Eppure “la città è moderna” e “non ci devi far caso, se il cemento ti tura anche il naso” come cantava Adriano Celentano. Che si vuol dire? Che la gente non è mai contenta. E non lo sarà tra poco quando nella stagione delle piogge l’ambrosia comincerà a “far vittime”. Leggo di questi giorni che il Comune ha sopportato un aggravio di spese per avere dovuto far effettuare lo sfalcio dell’erba lungo diverse vie cittadine a più riprese. Eppure – ora – non se ne parla……se ne parlerà tra un po’.

Non parliamo dei “detriti” sparsi in giro. Sembra si stia giocando a buttare schifezze nei boschi, eternit in “cave di comodo”, luridume sul ciglio delle strade, ma pure “resti” di sesso consumato in strada, siringhe di ogni specie dove la gente ci cammina sopra.

Per non parlare di zone (come quella dell’Ospedale che già abbiamo denunciato) dove la fanno da padrone falsi questuanti, falsi parcheggiatori, falsi bisognosi che importunano, infastidiscono le persone che vanno in Ospedale da semplici visitatori.

Dall’altre parte, Polizia Locale, ma pure Agenti di Pubblica Sicurezza, Carabinieri aspettano “rinforzi” Si ode la solita “solfa” delle spese di bilancio insufficienti per far fronte al dilagare di un malcostume che andrebbe frenato, annientato, messo a tacere. Una volta non era così. Eppure la città era più povera, le esigenze non troppe esose e la gente si rispettava meglio: sia chi comandava, sia il Cittadino.

Il tutto per dire che? Che al di là del bilancio economico, quel che viene a mancare è il rispetto della Civiltà e il rispetto della “cosa pubblica”. D’altro canto, anche chi deve fare rispettare il “diritto” alla Civiltà non applica le Leggi. Non lo fa, diciamocelo. Mandare in giro qualche “controllore” (magari con le palle) che non abbia pietà sui “reati” del Cittadino e applichi le dovute sanzioni, non sarebbe male. La gente imparerebbe che per viaggiare sul bus cittadino deve prima munirsi del biglietto. Che a far scorrazzare i cani in giro si deve essere in possesso degli appositi guanti e dell’apposito sacchetto. Che chi si ubriaca in giro non deve rompere le bottiglie per strada e nemmeno lasciarle vuote ovunque si trova. Che a imbrattare i muri fa schifo. Che a buttare carte e cartacce e ….altro nella fontana si fanno tanti danni assieme. Che buttare un materasso vecchio o pneumatici inservibili si inzacchera la natura. E altro ancora.

Sino a che tutto …..scivola sul marmo, avremmo sempre problemi del vivere civile e del danno collettivo. Ci fosse la certezza della pena, allora si che almeno la gente sarà portata a valutare il vero senso del rispetto. Senza esempi, non servono le “lezioni”. Non che  si pretende un “giro di vite” o vedere Busto Arsizio “sotto assedio”, ma al di là degli Ausiliari del Traffico, sarà opportuno vedere all’opera chi troppe volte svolge un servizio negli uffici.

Già che ci siamo: gli anziani, di questi tempi sono sotto tiro. Tuteliamoli. Non “faccio la predica” ma è bene sapere che in casa propria, chi ha facoltà di entrarci deve ….chiedere permesso. Ma non basta: deve essere conosciuto e per nulla al mondo deve avere a che fare con un parente ….antico, ma “far gente” nel caso ci si imbatta con uno sconosciuto.

Copyright @2018

DALLE RUBRICHE