LA PRECISAZIONE DELL’ASSESSORE CHIESA
In arrivo in Comune 25 nuovi dipendenti

Dopo le proteste del sindacato Adl, non tarda la replica dell’amministrazione. In arrivo, tra l’altro, quattro educatrici e tre vigili

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

L’assessore Alessandro Chiesa risponde al sindacato Adl che, attraverso Fausto Sartorato, aveva criticato la politica del personale dell’amministrazione e, in particolare, quella relativa al settore educativo.
L’esponente di giunta spiega in una nota diffusa da Palazzo Gilardoni che quest’anno verranno assunti 25 dipendenti, tra cui quattro educatrici e tre vigili.

“Basta con le polemiche che non fanno altro che generare fake news: sulle politiche del personale l’Amministrazione comunale risponde con “fatti concludenti”. Dai sindacati ci aspettiamo ampia collaborazione e tavoli di lavoro costruttivi”: questo il commento dell’assessore al Personale Alessandro Chiesa dopo l’ennesima diatriba a più voci comparsa sulle pagine dei giornali.

Al di là della singola questione emersa in questi giorni, l’assessore tiene a mettere in evidenza che la politica del personale si basa su un’attenta e precisa programmazione che a sua volta deve tenere conto non solo degli obiettivi di mandato dell’Amministrazione, ma anche della necessità di un miglioramento dei livelli qualitativi dei servizi rivolti ai cittadini, senza ovviamente tralasciare di valorizzare le risorse umane attraverso l’ascolto, la motivazione e la formazione. Un elemento, quest’ultimo, “su cui puntiamo molto, attraverso un piano di formazione molto articolato, per favorire la crescita professionale e lo sviluppo delle potenzialità di ciascun dipendente, sempre in un’ottica di miglioramento e innovazione complessiva dell’attività amministrativa, come si legge anche nell’ipotesi del nuovo contratto nazionale dei dipendenti degli enti locali”.

Il personale, in un’organizzazione human capital intensive come quella del Comune di Busto Arsizio, rappresenta dunque una leva strategica del rinnovamento dell’azione pubblica.
Tornando alle questioni degli ultimi giorni, secondo l’assessore a dover parlare sono gli atti: “Avendo bene in mente tutte le problematiche e le esigenze dei singoli settori, considerando le risorse economiche a disposizione e le normative sempre in evoluzione, abbiamo provveduto ad approvare, come previsto dalla norma, il fabbisogno del personale per il triennio 2018/2020 con la delibera di giunta numero 68 del 28 febbraio scorso che è ovviamente un atto pubblico a disposizione di tutti, sindacati compresi” continua Chiesa.

Nella delibera si evince che nel 2018 l’Amministrazione procederà all’assunzione di 25 risorse umane, tra cui 4 educatori di asilo nido, 7 istruttori amministrativi, 3 agenti di Polizia locale, solo per citare alcuni esempi. Sul sito del Comune sono già anche pubblicati gli avvisi di mobilità per alcune categorie: “Fatti e atti sono l’unica risposta dell’Amministrazione”, conclude Chiesa.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA