COINVOLGERÀ MILLE ALUNNI DI BUSTO
Avvicinare i bambini all’opera lirica. Ecco il progetto Opera Domani

Busto, per la prima volta, entra nel circuito di Opera Domani, già diffuso nelle più grandi città italiane. L’obiettivo è quello di promuovere nelle scuole la cultura e la conoscenza del “bel canto”. Partner, il Teatro Sociale

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

L’opera lirica, solo in apparenza, è difficile da proporre a bambini e ragazzi.  Lo dimostra Opera Domani, il format nazionale (ed internazionale) pioniere  di educazione alla lirica per i più piccoli, che presto coinvolgerà  anche le scuole cittadine.

Busto, per la prima volta, entra nel circuito già diffuso nelle più grandi città italiane. L’obiettivo è quello di promuovere la cultura e la conoscenza del “bel canto”, con un progetto ad hoc che approda dapprima nelle aule scolastiche e poi a teatro.

Un format che l’assessore alla Cultura, Manuela Maffioli ha fortemente voluto promuovere: “Quando mi sono insediata, uno dei miei obiettivi era quello di inserire Busto nel percorso di Opera Domani. Con l’assessorato all’Istruzione, abbiamo condiviso questo progetto che porterà l’opera nelle scuole, offrendo una grande opportunità ai bambini delle scuole elementari e medie”.

Partner del progetto è il Teatro Sociale, dove il 1 marzo avverrà il debutto finale con l’opera “L’elisir D’amore”. Il progetto, è stato presentato nei dettagli da Barbara Minghetti di AsLiCo. “Gli alunni canteranno le arie che impareranno a scuola, mentre sul palco si esibiranno i professionisti interagendo con loro, come un tipico coro greco”. La platea del Teatro Sociale  si riempirà dunque di bambini che parteciperanno attivamente alla messa in scena dell’opera lirica “L’elisir d’amore.  Una fabbrica di idee”,  del regista Manuel Renga.

Una versione ambientata negli anni ‘30 del secolo scorso, nella fabbrica di Sciroppo per la tosse Elisir, una fabbrica grigia e triste che produce uno sciroppo  cattivo e amaro. I bambini proveranno a cambiarne la ricetta. “La lirica proposta è una versione particolarmente calzante per Busto, città dalla tradizione manifatturiera”, sottolinea l’assessore Maffioli.

“Si tratta di un progetto molto intrigante – spiega Minghetti – oltre allo studio dei canti, a scuola realizzeranno oggetti da portare allo spettacolo e a tutti gli insegnanti verranno forniti i materiali didattici (libretto, dispensa, cd)”.

Sono 1352 i bambini delle scuole del territorio che aderiranno al circuito di Opera Domani  (1000 da Busto, cui si uniscono Gallarate, Uboldo, Lavena Ponte Tresae Cavaria).

Il vicepresidente di EducArte, Daniele Gertrudi, che ha condiviso  il progetto, evidenzia: “I più piccoli, quando si avvicinano all’opera l’apprezzano con entusiasmo”.

Copyright @2018