Saporiti Srl
La passione delle macchine utensili … su misura

La passione professionale di Sabrina Saporiti, 52 anni, sales manager della Saporiti Srl di Solbiate Olona, è pari alla sua grinta

Luciano Landoni

Solbiate Olona

Pubblicato il:

La passione professionale di Sabrina Saporiti, 52 anni, sales manager della Saporiti Srl di Solbiate Olona, è pari alla sua grinta: entrambe non si discutono, ma entrambe devono fare i conti con la bestia nera burocratica “made in Italy”. “Lo sa di quante pagine è fatto il regolamento edilizio della città di Lugano?”

No, ma sono sicuro che lei conosce la risposta.

“Certo che la conosco: trattasi di un documento di 36 pagine scritte nel 1964 e tuttora in vigore!”.

D’accordo, grazie per l’informazione. Ma … qual è lo scopo della stessa?

“Glielo spiego subito: l’equivalente documento del comune di Solbiate Olona comprende più di 800 pagine, senza contare gli allegati! Quasi tutti gli anni ci sono dei cambiamenti e per qualunque cosa, tipo, ad esempio, voler ampliare la superficie produttiva di un’azienda, devi mettere in conto complicazioni a non finire e relativi impedimenti. Alla fine, non puoi che fare una cosa: lasciar perdere! Come si fa a lavorare e a fare impresa in un Paese, l’Italia, dove a furia di sentirti dire di ‘no’, ti viene la convinzione che la cosa migliore sia tirare a campare. Le possono assicurare che in una simile condizione anche chi, come me, ama il proprio lavoro e continua a crederci, qualche volta, anzi, più di una volta, sente l’entusiasmo venire meno …”

La Saporiti Srl, fondata nel 1946 da Carmelo Saporiti, è una piccola impresa meccanica specializzata nella progettazione e costruzione di macchine utensili “speciali” (fresatrici, rettifiche e foratrici), vale a dire “personalizzate” rispetto alle esigenze specifiche della clientela.

“Una delle nostre caratteristiche vincenti – spiega Sabrina, nipote di Carmelo e figlia di Silvano Saporiti, 82 anni, ancora presente e attivo in azienda in qualità di disegnatore-progettista, dopo aver insegnato nelle storiche Scuole “Bernocchi” di Legnano – è senza dubbio la flessibilità e la forte proiezione verso i mercati esteri”.

La Saporiti Srl impiega 15 dipendenti,  fattura mediamente poco meno di 2 milioni di euro all’anno (“Dipende dalle commesse – precisa Sabrina Saporiti – qualche anno vendiamo per 1,5 milioni di euro e qualche altro raggiungiamo i 4,5) e le esportazioni incidono per oltre l’80% (Arabia Saudita, Australia, Cina, Europa, Malesia, Stati Uniti, Sud Corea, Turchia, Venezuela, Vietnam).

“Sono reduce da un viaggio di lavoro, organizzato da Promos, la società speciale della Camera di Commercio di Milano, in Cina. Più esattamente, a Chengdu. Ci sono stati dei contatti molto interessanti e credo ci possano essere degli sviluppi positivi. Tenga conto che per noi la Cina è un mercato di sbocco dal 1989”, osserva Sabrina Saporiti.

Come vanno le cose?

“Il 2016 è stato un anno molto difficile. Questi primi mesi del 2017 hanno mostrato segnali di ripresa. Provvedimenti come il superammortamento, previsto nell’ambito della cosiddetta Fabbrica 4.0, hanno dato una mano. La Cina sembra si stia … risvegliando. Mi auguro che anche gli Sati Uniti facciano altrettanto”.

Quanto investite in ricerca e innovazione?

“Nel nostro ufficio progetti lavorano 4 persone, compreso mio padre Silvano che, nonostante l’età, continua ad avere idee nuove e, pur ostinandosi a non utilizzare il cad-cam, dato che preferisce avvalersi di carta, squadra e penna, progetta macchine straordinarie. Mediamente, gli investimenti assorbono almeno il 5% dell’intero fatturato”.

Due parole, due, sul futuro.

“I nostri clienti ci … sorridono. Ci considerano affidabili e la nostra ‘politica della credibilità’ rappresenta un autentico valore aggiunto. Vogliamo andare avanti così!”.

Sabrina Saporiti incarna la 3° generazione ma accanto a lei è già attiva la 4° :”Mio figlio Amedeo, 21 anni, sta frequentando Ingegneria, e ha cominciato ad interessarsi alle vicende aziendali; suo fratello Enea, che di anni ne ha 18, si sta preparando per la Maturità Scientifica e la più piccola della famiglia, Delia di 11 anni, sogna di diventare una cantante di successo …”

Prima di salutarci, Sabrina ci … regala una “formula” che considera di importanza strategica: “Tutto quello che non è proibito è permesso!”

“Se i nostri burocrati si uniformassero al significato di queste parole – conclude – le cose, in Italia, andrebbero molto meglio”.

Poiché si trattava di una buona idea, nessuno la prese in considerazione” (copyright Ennio Flaiano)

Copyright @2017