Veropiz Srl
L’orgoglio e l’entusiasmo del made in Italy

Eleganza, bellezza, innovazione che, partendo da una grande e consolidata tradizione industriale, riaffermano nel mondo l’orgoglio del made in Italy...

Luciano Landoni

ARSAGO SEPRIO

Pubblicato il:

Eleganza, bellezza, innovazione che, partendo da una grande e consolidata tradizione industriale, riaffermano nel mondo l’orgoglio del made in Italy. Ѐ questa l’essenza dell’eccellenza manifatturiera italiana. Ne è assolutamente convinta Monica Veronesi, responsabile dei rapporti internazionali della Veropiz Srl di Arsago Seprio e fino al dicembre 2018 direttrice dell’Italian Scientist and Scholars in North America FoundationISSNAF (la Fondazione di tutti i ricercatori italiani negli Stati Uniti) e già vice presidente del Gruppo Giovani Imprenditori dell’UNIVA.

L’azienda è stata fondata da suo nonno Egilio nel 1955 ed oggi produce annualmente 70 milioni di metri di elastici per l’intimo uomo e donna, corsetteria e indumenti sportivi fatturando 8 milioni di euro nell’arco dei dodici mesi.

“Ha presente – dice – gli elastici per slip, reggiseni, leggings, maschere da sci e motocross? I pizzi per maglieria intima e i nastri per la corsetteria sono il core business della nostra azienda”.

Il quartier generale della Veropiz Srl si trova ad Arsago Seprio, dove lavorano 80 persone, mentre in Serbia è operativa Veropiz Doo, al cui interno ne sono impiegate 15.

“Si tratta di internazionalizzazione – precisa Monica Veronesi – e non di delocalizzazione, intendiamoci bene. Noi esportiamo una vera e propria cultura d’impresa”.

Il concetto è pienamente sottoscritto dal fratello Andrea, che si occupa della produzione e dell’area creativa, e dal padre Giordano, amministratore delegato della società.

“Ho preso in mano le redini dell’azienda nel 1969, a 22 anni, subito dopo il servizio militare. Mio padre Egilio è mancato nel dicembre dello stesso anno ed io mi sono trovato letteralmente catapultato nella direzione dell’impresa fondata da lui. Ho dovuto imparare in fretta, non potevo di certo permettere che si distruggesse un’eredità imprenditoriale così bella come quella creata da mio padre. Ci ho messo tanto impegno e tantissima passione. Credo molto nei giovani e cerco di trasferire loro il mio entusiasmo e la mia esperienza”.

Non a caso, Veropiz Srl è stata una delle aziende protagoniste dell’ultima edizione del Pmi Day (2018) organizzato dall’Unione degli Industriali della provincia di Varese e finalizzato ad avvicinare i giovanissimi studenti delle classi terze medie alle realtà industriali locali facendo loro conoscere le molteplici attività manifatturiere presenti sul territorio provinciale.

“E’ importante aprire le nostre porte al mondo della scuola, è così che si può far capire ai giovani – sottolinea Giordano Veronesi – quanto contino nel fare impresa la passione, la curiosità, l’impegno, la dedizione, il sacrificio, la responsabilità”.

“Mio padre ha ragione. I giovani, attraverso degli esempi concreti, si devono rendere conto che la passione e l’orgoglio sono indispensabili per fare qualsiasi cosa si voglia fare. Sembra uno scioglilingua, ma in realtà è l’unico sistema mediante il quale – precisa Monica Veronesi – si può contrastare negatività e pessimismo. Ai giovani va data speranza e si deve insegnare loro a pensare in grande. Devono scoprire quanto sia bello darsi da fare  per raggiungere un obiettivo. Questa è la vera cultura d’impresa, che è l’esatto contrario dell’assistenzialismo. Imprenditorialità e creatività vanno sostenute e non disincentivate”.

Come, scendendo ancora di più nel concreto?

“Intervenendo significativamente sul cosiddetto cuneo fiscale – è la risposta immediata – in maniera tale da poter dare più soldi ai dipendenti e non allo Stato”.

Copyright @2019