CASTELLANZA
Biblionido compie 25 anni

È ripartito il progetto Biblionido 2018, che coinvolge da sempre la Biblioteca Civica e i nidi comunali che collaborano tre di loro per coltivare nei più piccoli l’amore e l’abitudine al libro e alla lettura

Loretta Girola

castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

È ripartito anche quest’anno il progetto Biblionido 2018, che coinvolge da sempre la Biblioteca Civica e i nidi comunali che collaborano tre di loro per coltivare nei più piccoli l’amore e l’abitudine al libro e alla lettura. Il progetto, giunto ormai alla venticinquesima edizione,  si è aperto, come sempre con alcune visite della bibliotecaria al nido, che i piccoli in seguito hanno ricambiato quando hanno vissuto in piccolo gruppo l’esperienza di uscire dal nido e, a piedi, accompagnati dalle educatrici con cui hanno condiviso il percorso nido, hanno raggiunto in sicurezza la biblioteca e in compagnia della bibliotecaria hanno scelto, sfogliato ed imparato ad amare i libri e la lettura in tutta libertà per farne un giorno adulti liberi e consapevoli.

Sino a luglio, dunque, proseguiranno le visite in biblioteca, dove i bimbi troveranno uno spazio pensato per loro, per un meraviglioso cammino tra libri scelti e individuati sulle passioni di ognuno. Questo progetto, rivolto ai i bambini di 2 e 3, si propone di far nascere il desiderio di tornare in biblioteca, un luogo a misura di bambino e condividere le nuove scoperte con i genitori o i nonni; i bibliotecari sono sempre disponibili a dare consigli di lettura per i più piccoli, ma anche per i loro accompagnatori, e a fornire materiale aggiornato del progetto Nati per Leggere a cui la biblioteca aderisce. “Il Progetto Nazionale Nati per Leggere – spiegano dall’Amministrazione – è un impegno che unisce bibliotecari, pediatrie operatori dell’infanzia per promuovere la lettura ad alta voce ai bambini tra i 6 mesi e i 6 anni. Leggere ad alta voce è una opportunità di relazione tra bambino e genitori e aiuta lo sviluppo, la comprensione del linguaggio e l’amore verso i libri e la lettura. Studi scientifici dimostrano che la lettura ad alta voce favorisce lo sviluppo cognitivo, psicologico ed emotivo del bambino, aumenta i tempi di attenzione che saranno molto importanti quando dovrà studiare; la lettura ad alta voce, inoltre, favorisce l’instaurarsi di un legame profondo di affetto tra adulto e bambino e contribuisce a dare le basi dell’attaccamento affettivo tra genitore e figlio”.

Copyright @2018