INGRESSO SOMMERSO DI PICCOLI MANIFESTI
Biblioteca tappezzata di volantini per Giulio Regeni

Il vicesindaco Maffioli condivide il messaggio ma contesta le modalità dell’iniziativa anonima

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Lunedì mattina la piazzetta antistante l’ingresso della Biblioteca comunale è stata completamente ricoperta da volantini gialli con lo slogan “Verità per Giulio Regeni”, il ricercatore universitario scomparso quattro anni fa in Egitto.

“Nel giorno nel ritrovamento del corpo di Giulio Regeni, si leva anche da Busto un appello forte perché si faccia chiarezza su un evento drammatico sul quale non c’è ancora un perché ufficiale – afferma la vicesindaco e assessore alla Cultura Manuela Maffioli –. Ed è significativo che chi ha deciso di attuare questo gesto così plateale abbia scelto l’ingresso della biblioteca, luogo di cultura, studio e ricerca. Mi avrebbe fatto piacere però che le stesse mani si fossero preoccupate anche di risistemare lo spazio perché confido che chi nutre un così profondo senso di giustizia abbia anche un altrettanto profondo senso civico e di rispetto nei confronti della ‘cosa pubblica’ che è, appunto, un bene di tutti”.

I manifesti, tra l’altro, portavano il marchio di Amnesty International. Ma i referenti locali dell’associazione fanno sapere di non avere nulla a che fare con l’iniziativa.

Copyright @2020