Campionati di pallacanestro
Big win per la Hydrotherm, Knights e Cso beffa al rush finale

La Hydrotherm espugna Cislago ed ora è padrona del proprio destino

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La Hydrotherm espugna Cislago ed ora è padrona del proprio destino
Soffre poco più di 10’ la Hydrotherm. Poi innesta le marce alte e vince senza problemi sul campo di Cislago. Una vittoria determinante perché, vista la contemporanea sconfitta di Cantù a Mortara, si stabilizza al 8° posto in classifica e diventa padrona del proprio destino. Con 3 turni ancora da disputare (ma nel prossimo Azzimonti e compagni osserveranno la giornata di riposo, mentre i canturini hanno già disputato l’anticipo), ai bustocchi “basterà” vincere gli ultimi due match (peraltro molto difficili, in trasferta sul campo della rincorrente Mortara e in casa contro la capolista Saronno) per qualificarsi ai play-off, indipendentemente dai risultati delle dirette concorrenti (visti i 2 punti di vantaggio e la differenza-canestri favorevole nel doppio confronto con Cantù). I primi 10’ sono stati approcciati non al meglio dagli ospiti, soprattutto in difesa (25 punti subiti); poi ecco il break con il rientro immediato all’inizio del secondo quarto. Quindi lo strappo prima della pausa e poi nella terza frazione hanno mandato in archivio la gara. Con capitan Azzimonti non entrato per problemi ad una mano, si è messo in risalto un ottimo De Vita (17 punti, con 4/4 da 2, 3/4 da 3 e 2 rimbalzi). “Volevamo continuare in questa nostra rincorsa – commenta coach Gianni Nava – ed abbiamo vinto l’ennesima finale che dovevamo vincere. A parte un attimo di mollezza mentale, siamo rientrati subito duri e abbiamo fatto un break di 20-2 nella seconda frazione grazie a palle recuperate, difesa e contropiede. Il punteggio, al cambio di campo, era già molto importante, però siamo stati bravi a sigillare il referto rosa nei primi 5’ del terzo periodo. Abbiamo dato spazio a tutti, sono contentissimo della prestazione dei singoli, in particolar modo di Arui in difesa e di De Vita a tutto campo. Bene anche Caggiano, che ha fatto canestro: è un giovane importante, che si sta allenando molto bene con noi da un mese e crediamo in lui”.
Cislago-Hydrotherm Busto Arsizio: 64-96 (25-18; 34-51; 46-74)
Cislago: Franchi, Vanzulli, Tomba 8, Saibene 2, Rimoldi 6, Secco, Galati 18, Freri 12, Tonella 10, D’Ambrosio Angelillo 8. Coach Ferrari.
Hydrotherm: De Franco 7, Marotto 6, De Vita 17, Preatoni 2, Crespi, Azzimonti n.e., Atsur 11, Tagliabue 13, Caggiano 4, Pariani 12, Vai 15, Arui 9. Coach Nava.

Serie A-2 – I Knights ancora beffati nel finale
Dopo una settimana travagliata dal punto di vista fisico (febbre per Serpilli e Berra, infortuni muscolari per Thomas e Raffa) i Knights Legnano si presentano a Biella con lo spirito giusto, combattivo e determinato a strappare un risultato vincente. Purtroppo alla fine la determinazione non basta ed arriva così l’ennesima occasione sprecata negli ultimi giri di lancette (“non può essere sempre sfortuna – ammetterà in sala stampa coach Alberto Mazzetti – visto che gli episodi negativi negli ultimi giri di orologio si sono ripetuti, evidentemente ci manca il giusto killer instinct…”). Purtroppo l’espulsione di un Thomas sin lì quasi perfetto (soli due errori dal campo) per somma di sanzioni disciplinari porta i biancorossi a sbagliare per gioventù ed inesperienza i palloni decisivi nel finale. Ora c’è davanti una nuova settimana per recuperare da acciacchi e mali di stagione, prima della sfida di domenica prossima contro la Eurobasket Roma. Dopo un ottimo inizio (12-18, poi 14-20 al 10’), Legnano tenta la fuga nella seconda frazione (19-31 con i canestri di Thomas, Raffa e Bortolani), break prontamente respinto dai piemontesi (34-35 all’intervallo). Al cambio di campo, 6 punti in fila di Thomas riportano i Knights al +5 del 38-43, ma al 25’ un fallo tecnico all’ex canturino, sommato ad un precedente antisportivo, toglie dalla gara l’americano dei Knights (59-55 al 30’ con i canestri di Harrel e Sims). Ultima frazione che parte all’insegna di Biella con l’allungo fino al 68-59, però Legnano si rimbocca le maniche e costruisce il 9-0 del pareggio con il libero di Bortolani, Raffa, Serpilli e la tripla di Bortolani del 70-70 al 37’; poi Sims mette il +2 per Biella e Saccaggi i liberi del 76-72, gli ospiti hanno ancora qualche speranza dopo i liberi di Raffa, ma Vildera la chiude dalla lunetta sul 78-74. “Assolvo decisamente Thomas – conclude coach Mazzetti – perché lui è uno che non ci sta mai a perdere e ci tiene tantissimo: credo non si sia nemmeno accorto della doppia sanzione che ha determinato la sua espulsione. Sta a me cercare di frenarlo, ma preferisco un giocatore così esuberante, piuttosto che uno che si presenta molle in campo…”.

EDILNOL PALLACANESTRO BIELLA
AXPO LEGNANO: 78-74 (14-20, 34-35, 59-55)
Edilnol Pallacanestro Biella: Sims 25, Harrell 16, Stefanelli 15, Saccaggi 10, Chiarastella 4, Wheatle 4, Vildera 2, Massone 2, Nwokoye, Pollone. Coach Carrea.
Axpo Legnano: Raffa 20, Thomas 20, Bortolani 19, Bozzetto 7, Serpilli, Bianchi 3, Ferri, Corti, Berra, Coraini. Coach Mazzetti.


Promozione – Il Cso Borsano fulminato al rush finale
Il Cso Borsano arriva ad un amen dal battere la capolista GBA Lonate Ceppino, ma deve arrendersi nel finale (64-72 il punteggio). Pur senza Monguzzi (via per lavoro), i ragazzi di coach Titti Maini dominano il primo tempo (37-33), anche se la difesa “brutalizzata” da Steccanella (28 punti) concede troppe seconde conclusioni e qualche tiro libero di troppo: dopo l’intervallo lungo l’attacco però si inceppa (9 punti segnati in 10’, Brignoli 17), tuttavia nel finale il Cso arriva a -4 (65-69 a 12” dalla sirena), quando lo 0/2 di Lambertini (18 punti) dalla lunetta condanna le speranze di rimonta. In classifica comandano sempre il GBA Lonate Ceppino e Turbigo (24 punti), che distanziano il trio Stella Azzurra CastanoMontello-Cuoricino Cardano (22). Chiude la graduatoria, ancora a quota zero, il Motrix Cavaria, mentre Airoldi Origgio e Basket Caronno (rispettivamente con 8 e 10 punti) rimangono dietro a Borsano (12), che ha ora nel mirino Daverio (14).

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA