Calcio dilettanti - 25^ giornata
Busto 81, blitz a Castellanza. Cas ko

Il Busto 81 si impone per 3 a 0 nel caldissimo derby in casa della capolista Castellanzese. Pari per Borsanese e Ardor; sconfitte per Cas, Antoniana, San Marco, Beata e San Filippo

Simone Testa

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Venticinquesima giornata dei campionati dilettantistici. Blitz vincente del Busto 81 nel caldissimo derby in casa della capolista Castellanzese. Pari per Borsanese e Ardor; sconfitte tutte le altre compagini bustocche.

Eccellenza

Castellanzese-Busto 81: 0-3

Colpo grosso del Busto 81 di Stefano Civeriati, che strappa il derby in casa della capolista Castellanzese e mischia le carte nelle zone alte della classifica del girone A di Eccellenza. I bustocchi partono forte fin da subito ed aprono le marcature al 24’ con il tiro al volo di Cannizzaro. Al 39’ Giovio ci mette la testa e regala il raddoppio ai nerazzurri (oggi in campo con l’ex, storica, divisa biancorossa). Poco prima dell’intervallo, la Castellanzese fallisce l’occasione per riaprire immediatamente la partita dal dischetto con Gibellini. Nella ripresa i bustocchi resistono agli assalti neroverdi e, nel finale, Giovio chiude definitivamente i giochi con un bel pallonetto che vale il 3 a 0 e la sua doppietta personale.

“La squadra ha saputo tirare fuori gli attributi nel momento giusto. Questa è una bella iniezione di morale, la classifica torna ad essere cortissima e nelle prossime partite dobbiamo giocarci il tutto per tutto” commenta il team manager Giorgio Tomasini.

Prima Categoria

Arsaghese-Cas: 1-0

La capolista Cas cede di misura in casa dell’Arsaghese, e le inseguitrici tornano a far sentire il proprio fiato sul collo dei sinaghini. Gli undici di mister Cau si procurano diverse occasioni nel primo tempo, ma sono i padroni di casa a trovare il gol del vantaggio con un tiro dalla distanza che beffa Heinzl. L’Arsaghese è brava a chiudersi e a giocare di ripartenza. A metà del secondo tempo, però, la formazione locale resta in dieci per un fallo da ultimo uomo su Turconi, che si stava involando a rete dopo un rinvio sbagliato del portiere. Nel finale i bustocchi ci provano, ma l’Arsaghese fa buona guardia e riesce a strappare il risultato.

“L’Arsaghese si riconferma la nostra bestia nera, sanno come metterci in difficoltà e ci avevano battuti anche all’andata. La classifica si è accorciata, ma dobbiamo restare sereni e pensare una partita alla volta” ammette mister Cau.

Gorla Maggiore-Antoniana: 1-0

Sconfitta di misura per l’Antoniana di Cristian Pavone, che si arrende per 1 a 0 al termine di match teso e nervoso contro il Gorla Maggiore, secondo della classe. Dopo un primo tempo privo di grandi emozioni, la partita si sblocca nella ripresa con una punizione dei padroni di casa che finisce in fondo al sacco. I bustocchi provano a reagire e, nel finale, trovano il gol del pareggio con l’incornata di A.Ranieri, ma il direttore di gara annulla e fischia un “fallo di confusione” in favore dei gorlesi. Il nervosismo sale, e negli ultimissimi minuti di gioco i giallorossi rimediano due cartellini rossi, uno per Sorrentino e l’altro per Macretti.

“Il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Abbiamo messo in campo una buona prestazione con tanta grinta e tanta voglia, ma questa volta l’arbitraggio ci ha penalizzato. L’hanno ammesso anche i nostri avversari nel post-partita, e questo non può far altro che aumentare il rammarico” dichiara mister Pavone.

San Marco-Aurora Cantalupo: 0-2

Sconfitta amara per la San Marco di Paolo Marchiorato. Partita combattuta e tirata per 80 minuti, che vede poche occasioni per entrambe le squadre; per i bustocchi le più pericolose arrivano su corner con Gallo e Roncato. Poi l’episodio chiave in favore degli ospiti, che passano in vantaggio fra le poteste dei bustocchi per la posizione di fuorigioco dell’attaccante cantalupino. Negli ultimissimi istanti di gioco, con i bustocchi sbilanciati in avanti alla ricerca del pari, arriva il definitivo 2 a 0 per la formazione di Cerro Maggiore su contropiede.

“Ce la siamo giocata fino alla fine, poi abbiamo preso un gol in netto fuorigioco che ha compromesso la partita” commenta mister Marchiorato.

Seconda Categoria

Beata Giuliana-Arnate: 0-1

Partita fotocopia di settimana scorsa per il Beata Giuliana di Alfredo Rossetti, ancora una volta vittima della “dura legge del gol”. Nella prima frazione di gara i bustocchi accarezzano la gioia del gol, ma lo stacco di testa di Fanali si ferma sulla traversa. Senza esito anche le altre numerose palle gol create dei rossoblù. Al contrario, gli ospiti di Arnate si dimostrano più cinici e concreti e, ad inizio ripresa, insaccano il gol partita su corner ad una delle loro prime occasioni. I bustocchi provano a recuperare, ma colpiscono un altro legno, questa volta con Carullo. A complicare ulteriormente le cose, nel finale, arriva anche l’espulsione di Fanali.

“Non riusciamo a concretizzare la mole di gioco creata. Poi, come spesso succede nel calcio, quando non segni, poi la prima occasione subisci, ed anche oggi è andata così” evidenzia mister Rossetti.

Borsanese-Rescaldinese: 0-0

Pari a reti inviolate per la Borsanese di Davide Tomanin, che nel primo tempo sfiora per due volte il vantaggio, ma le conclusioni di Tagliabue e De Michele si stampano entrambe sul palo. Nel secondo tempo calano i ritmi di gioco, ma sono sempre i bustocchi i più pericolosi, ancora con De Michele, che questa volta però colpisce la traversa. Al triplice fischio il punteggio è ancora inchiodato sullo 0 a 0, con un po’ di rammarico per i bustocchi.

” Potevamo fare più, abbiamo subito poco o niente. Nella ripresa siamo calati, le diverse assenze hanno fatto sentire il loro peso, ma potevamo portare a casa il risultato comunque” chiarisce mister Tomanin.

Terza Categoria

Ardor-Union Oratori Castellanza: 1-1

Si ferma sul pari l’Ardor di Matteo Gastaldello. Nonostante un buon primo tempo bustocco, sono i castellanzesi ad aprire le marcature su penalty. La risposta azzurrina arriva nella ripresa, quando Mouchammir è bravo a finalizzare dopo un’ottima azione corale. L’Ardor dimostra di averne di più, ma la traversa dice di no prima ad un’altra iniziativa di Mouchammir e poi a Rappa su punizione. Il punteggio non cambia più: fra Ardor e Union Oratori Castellanza finisce 1 a 1.

“Abbiamo fatto più gioco, ma non siamo riusciti a portare a casa il risultato pieno. Ci è mancata un po di concretezza” sottolinea mister Gastaldello

Villa Cortese-San Filippo: 7-3

Niente da fare per il San Filippo di Diego De Bernardi, che deve arrendersi alla capolista Villa Cortese, lanciatissima verso la promozione in Seconda Categoria. Partono meglio i bustocchi, che passano in vantaggio nelle fasi iniziali di gara con il diagonale vincente di M.Terranova. La reazione dei padroni di casa non si fa attendere e, nel giro di poco tempo, il punteggio si ribalta sul 3 a 1 in favore del Villa Cortese, poi Trotti su punizione accorcia le distanze poco prima dell’intervallo. Il secondo tempo si apre con altri due gol della formazione locale, ma i bustocchi non mollano la presa e, sugli sviluppi di una punizione calciata da Segantin, Di Santo trova in tap-in vincente. Nel finale, però, i biancorossi incassano altri due gol che fermano il punteggio sul 7 a 3 in favore del Villa Cortese.

Punteggio pesante che però non rispecchia l’andamento della gara, abbiamo pagato cara qualche disattenzione di troppo e siamo finiti col regalare parecchi gol agli avversari” ammette mister De Bernardi

Copyright @2019