SCONFITTE IN SERIE PER LE BUSTOCCHE
Busto 81 pareggio senza gol. Per tutte le altre giornata da dimenticare

Giornata nera per le bustocche. Solo i biancorossi in Eccellenza raccolgono un punto. Per Antoniana, Cas, San Marco e Beata sconfitte di misura, Borsanese travolta in casa. Male anche l’Ardor

GIOGARA
- Antoniana - Cas finale 0-1

Riccardo Torresan

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Si sono concluse le sfide della settima giornata di campionato. Impegnate al massimo, come sempre, le società bustocche, spesso coinvolte in scontri di grande importanza per la classifica. Le graduatorie, infatti, iniziano a far sentire il proprio peso. Questa domenica si è però rivelata un disfatta per il calcio cittadino, con un solo punto raccolto su 7 squadre in campo. Di seguito il resoconto di una giornata da dimenticare.

Eccellenza

Alcione-Busto 81: 0-0

I biancorossi di patron Galli conquistano l’unico punto bustocco della giornata, non senza rimpianti. Una prestazione senza infamia e senza lode segna il risultato, con l’Alcione che viene lasciato manovrare in libertà per troppi minuti. I tori si risvegliano improvvisamente sul finale, ma un palo (Anzano) e una traversa (Urso) lasciano le reti inviolate. Rammaricato mister Tricarico: Si poteva e si doveva fare meglio. Se vogliamo arrivare in fondo, queste partite vanno vinte”.

Sorti diverse per il Legnano e la Castellanzese. Se da un lato i lilla vincono autorevolmente in trasferta contro il Lomellina (2-0 con reti di Myrtaza e Ianni), dall’altro i neroverdi di Emiliano Palazzi escono sconfitti (0-2) dalla sfida esterna contro il Sancolombano. Sempre più in salita la strada della Castellanzese, mentre si rilancia definitivamente l’azione del rinnovato Legnano di mister Rovellini.

Prima categoria

Vanzaghellese-Antoniana: 1-0

Non riesce ai giallorossi l’operazione vittoria, pur con una partita in fin dei conti lottata. Dopo un primo tempo equilibrato, in cui gli uomini di mister Airoldi sprecano qualche buona occasione, due cambi obbligati intervengono a sbilanciare un’Antoniana già rattoppata. Nella ripresa, la manovra dei bustocchi si infiacchisce, e con le prime occasioni arriva anche il gol del vantaggio per la Vanzaghellese con Vacirca. Non sortiscono effetto le ripartenze dei giallorossi, condannati così alla sconfitta.

“Con un organico così minato – commenta il tecnico – è difficile portare a casa dei punti. Hanno pesato inesperienza e acciacchi“.

Fagnano-Cas: 1-0

Si chiude la striscia positiva dei sinaghini del presidente Gallazzi, che mancano la prima occasione di avvicinare la vetta. Nel combattuto (nove ammoniti) scontro al vertice con la capolista Fagnano (sei vittorie su sette), sono i biancoblù a iniziare meglio. Dopo pochi minuti, però, un fallo al limite dell’area regala l’occasione decisiva agli avversari, che realizzano su calcio piazzato con lo specialista Di Nola. Il resto della sfida rimane nelle mani della squadra di Luciano Cau, che manovra bene conducendo il gioco e creando occasioni.

Ho visto uno dei migliori Cas di quest’anno – spiega l’allenatore – e posso dirmi soddisfatto. Certo resta il rammarico per aver mancato delle buone occasioni”.

San Marco-Cairate: 1-2

I leoni alati di mister Stefano Rasini mancano l’appuntamento con il quinto sigillo consecutivo. Il primo tempo pende dalla parte dei biancoazzurri di patron Petenà, che insaccano al 20’ con Abdou e rientrano negli spogliatoi sull’1-0. Nella seconda frazione, però, due distrazioni importanti regalano al Cairate una doppietta inaspettata. Con due punizioni (Curatolo e Algeri), gli ospiti ribaltano il punteggio e chiudono sull’1-2.

“Questa sconfitta fa male – spiega il tecnico – perché abbiamo buttato via 3 punti. Bastava rimanere concentrati ed evitare qualche leggerezza. Adesso cercheremo di ripartire settimana prossima”.

Seconda categoria

Gallaratese-Beata Giuliana: 2-1

La squadra di Alfredo Rossetti lotta, ma manca l’ennesima rimonta. Il primo tempo è nettamente a favore dei padroni di casa, che trasformano subito un rigore e raddoppiano intorno al 25’, tornando negli spogliatoi sul parziale di 2-0. Nella ripresa però i rossoblù reagiscono, andando a segno con Pribeagu al 20’. Qualche vistosa occasione mancata, soprattutto con Ciuciu, non permette però il pareggio. Rammaricato Rossetti: “Potevamo conquistare un punto nonostante la brutta partenza. Dobbiamo imparare a uscire meglio dai blocchi, altrimenti giocheremo sempre ad inseguire”.

Borsanese-Rescaldinese: 0-4

I biancoazzurri di patron Broggi trovano la propria Caporetto sul campo di casa, che quest’anno pare foriero di sventure. In una partita iniziata male e finita peggio, gli uomini di Davide Tomanin subiscono i primi due gol dopo pochi minuti dal fischio d’inizio. Il gioco imposto dalla Rescaldinese non lascia spazio ai bustocchi, che nel secondo tempo subiscono altre due reti e cedono di schianto. K.O. tecnico al triplice fischio.

Abbiamo perso di testa – si rammarica il mister – sbagliando completamente l’approccio alla partita”.

Terza categoria

Ardor-Atletico Castelseprio: 0-1

Si chiude anche per l’Ardor una serie di risultati utili. Gli azzurri di Fabio Colombo incontrano una squadra dal gioco solido e concreto. Il risultato è deciso, paradossalmente, dall’episodio più fortunoso della partita, con una punizione deviata che inganna il portiere ardorino, allo scadere del primo tempo. Nella ripresa la musica non cambia, con gli ospiti che sbagliano un rigore e i padroni di casa che faticano a creare occasioni.

Dobbiamo riconoscere il valore dei nostri avversari – commenta l’allenatore – che non hanno mostrato punti deboli. Il nostro impegno e la nostra grinta ci fanno onore, ma dobbiamo lavorare ancora”.

Copyright @2017