LO DICE UN BUSTOCCO DOC
Busto città bellissima

Su 3802 persone che hanno commentato il nostro Editoriale del 28 luglio scorso, sulle "strade di Busto" abbiamo scelto di pubblicare integralmente quello di Fausto Teddie Pert. E di confutarlo...

Gianluigi Marcora

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Su 3802 persone che hanno commentato il nostro Editoriale del 28 luglio scorso, sulle “strade di Busto” abbiamo scelto di pubblicare integralmente quello di Fausto Teddie Pert che così scrive: “Totalmente d’accordo. Più zona pedonale c’è, più la gente ha voglia di andare tranquilla a passeggiare, esplorare, scoprire, spendere i soldi. Purchè l’offerta dei commercianti si evolva coi tempi e con le esigenze della gente. Busto è troppo ancorata a un passato di splendore che, con tutto il rispetto anche nei miei confronti che sono bustocco doc, non esiste più. Bisogna ricostruire il nome di una città che una volta era di eccellenza. Oggi, fuori dai confini, Busto è un luogo ai più sconosciuto (molti milanesi a malapena sanno che tipo di città è Busto e tanti manco sanno dove sia). Il che è gravissimo per una città che è la prima città lombarda non capoluogo di Provincia e la sesta di tutta la Regione. Nella migliore delle ipotesi, invece, Busto è brutta e sfigata (otto volte su dieci, i commenti nei confronti della ex Manchester d’Italia della città che ha creato un aeroporto, oggi di fama mondiale, sono negativi). Dunque iniziamo davvero a fare qualcosa per riprendere lustro e attirare non solo i bustocchi e bustesi, ma chiunque si trovi a passare. Sfruttiamo il passaggio obbligato che milioni di persone percorrono da Malpensa a Milano e viceversa. Pubblicizziamo e offriamo. E costruiamo qualcosa di davvero moderno e al passo coi tempi nella zona delle Ferrovie Nord. Solo così diventeremo tutti un po’ più “ricchi“.

Gentile signor Pert, la ringrazio per il suo “totalmente d’accordo” circa il mio Editoriale. Deve consentirmi, tuttavia di dissentire su molti punti del suo commento. E gliene fornisco prova. Comincio a dubitare sul suo “bustocco doc” visto le sue credenziali. Per esserlo, occorre essere nato a Busto Arsizio da genitori e quattro nonni nati a Busto Arsizio. Lei, lo è? Secondo me, no.

Busto Arsizio non è ancorata a un “passato di splendore” tanto che i dati di UNIVA dimostrano come Busto sia al vertice della Provincia di Varese sia in numero di residenti sia in soldi (ricchezza, depositi bancari, aziende) su oltre 120 Comuni (capoluogo compreso).

Sulla “città da ricostruire” le fornisco un alibi che le farà dire quant’è bella Busto Arsizio. Ho proprio detto bella in ogni sfaccettatura della città. E’ in libreria il libro fotografico dal titolo “CUORE di BUSTO” e quando l’avrà consultato, si renderà conto di aver visto Busto senza averla ….guardata. Per guardare Busto Arsizio occorre avere l’animo pulito e la voglia di conoscere ogni angolo cittadino. Ogni risposta l’avrà proprio da “CUORE di BUSTO” che non è un’invenzione, ma puramente una constatazione. Troverà tante di quelle foto da …rassicurarla. Andando in giro con la fretta, lei “vede” soltanto, mentre con “CUORE di BUSTO” lei potrà guardare a ammirare Busto Arsizio nel suo splendore.

Noi, caro signor Pert non dobbiamo “ricostruire il nome di una città”, ma semplicemente migliorarlo e difenderlo, facendo attenzione ai detrattori e a coloro che dicono che è “tutto sbagliato, tutto da rifare”. Contesto poi nella totalità la sua affermazione che “Busto è sconosciuta ai più”. Pensi che (ad esempio) tutte (ma proprio tutte) le Case di Moda vengono da noi ad acquistare le tele e i drappi che faranno moda e tendenza. Poi vengono gli affaristi e coloro che vogliono abitare a Busto Arsizio. Due numeri soltanto: Busto Arsizio ha 83.000 residenti e Varese ne ha 79.000 ….vorranno pur dire qualcosa, non le pare? Poi, il suo “molti, manco non sanno dove sia“, creda, è falso. Addirittura il nome Busto Arsizio appare in molti film.

Sulla PRIMA città lombarda non capoluogo e SESTA di tutta la Regione, sono d’accordo con lei (dati UNIVA) e non capisco il suo “brutta e sfigata” soprattutto per i commenti negativi (8 su 10 lei dice). Chi le ha fornito questi assurdi dati, non veri? Io mi sento orgoglioso di essere un Bustocco doc (ho le caratteristiche che le ho elencato più sopra) e mi sento fortunato a tutti gli effetti nel dire “sono di Busto Arsizio” e aggiungo pure “città bellissima” (le ricordo “CUORE di BUSTO”) oltre a città operosa.

Sul “costruire qualcosa” nella zona delle Ferrovie Nord sono d’accordo. Lo spiazzo è pronto e la città deve modernizzarsi sviluppandosi. Vorrei aggiungere altro, ma lo spazio è tiranno. Tuttavia mi consenta di ricordarle quel famoso detto di JFK (John Fitzgerald Kennedy) “non chiederti cosa può fare l’America per te, ma chiediti cosa puoi fare tu per l’America”. Ci metta Busto Arsizio al posto di America e, suvvia, ci metta anche un po’ d’amore per questa città …. benedetta dal Signore. Potremmo riparlarne.

Copyright @2017

DALLE RUBRICHE