ADESIONE AL MOVIMENTO “LOMBARDIA IDEALE”
Busto Grande cambia nome e torna in maggioranza

Paolo Efrem rappresenterà in Consiglio comunale “Busto Grande-Lombardia Ideale”. Il gruppo chiede un ruolo operativo

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Busto Grande cambia nome e diventa Busto Grande-Lombardia Ideale. Il gruppo, rappresentato in Consiglio comunale da Paolo Efrem, aderisce al movimento nato su iniziativa del governatore Attilio Fontana e torna in maggioranza. Questo nuovo assetto “ci consente di ottenere quel ruolo operativo che ci sarebbe spettato da tempo”, (ovvero un assessorato), si legge nella nota stampa in cui si ripercorre la storia della lista.

Il gruppo consiliare di Busto Grande dal 27 giugno cambia la propria denominazione e diventa Busto Grande – Lombardia Ideale.

Il cambio è conseguenza logica dell’adesione, sin da subito, di alcuni membri di Busto Grande al movimento politico civico nato a inizio anno su iniziativa di Attilio Fontana, supportato da Matteo Salvini e coordinato dal consigliere regionale Giacomo Cosentino. Busto Grande è stata la lista civica che, prima ancora della stessa compagine del Sindaco, ha sostenuto la candidatura e l’elezione al primo turno di Antonelli.

Busto Grande, poi, scontenta delle logiche spartitorie che hanno dominato le scelte dello scorso rimpasto, nonché da sempre contraria alla gestione politica di alcune vicende cittadine, è dovuta passare all’opposizione, pur tenendo fede al proprio senso di responsabilità, che ha portato il gruppo a salvare l’amministrazione in più di una occasione, evitando un dannoso commissariamento che avrebbe paralizzato qualsiasi attività fuori dall’ordinario.

“Il 7 maggio (con gli arresti dell’inchiesta Mensa dei Poveri, ndr) l’aria è cambiata – dice Matteo Sabba, portavoce di BG – e possiamo dire che forse qualcuno ci ha dato ragione, facendo decadere almeno una delle motivazioni che ci hanno spinto a posizionarci alla sinistra del sindaco. Questo nuovo assetto ci consente di tornare in maggioranza e di ottenere quel ruolo operativo che ci sarebbe spettato da tempo e che noi abbiamo sempre considerato fondamentale per dare forma e continuità al nostro lavoro”.

Al di là dei personalismi, l’importanza dell’accordo con la lista del Governatore ha portato Busto Grande a intavolare un dialogo con altre realtà cittadine per allargare l’orizzonte delle proprie prospettive e come è noto con alcune non c’è stata convergenza di intenti. Guardiamo comunque con favore alla loro nuova avventura politica, impegnandoci a collaborare con loro almeno nel sostegno a questo Amministrazione per il bene della città”.

Interviene anche il coordinatore regionale Giacomo Cosentino: “Stiamo crescendo molto velocemente, parliamo di un centinaio di amministratori in tutta la regione e importanti rappresentanze anche nei capoluoghi che sono appena andati al voto (due consiglieri a Bergamo e due consiglieri a Pavia oltre a un assessore). Nella provincia di Varese, oltre a una trentina tra consiglieri e assessori, abbiamo anche registrato i primi sindaci eletti facenti parte del nostro movimento. Sono felice che ora saremo presenti anche formalmente a Busto Arsizio, anche se con Paolo Efrem e Matteo Sabba stiamo lavorando sin da luglio dello scorso anno. Fiducia al Sindaco Antonelli: saremo lieti di dargli una mano affinché la seconda metà del suo mandato sia ancora più efficace della prima”.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA