COPPA ITALIA DI TAEKWONDO. SABATO E DOMENICA AL PALAYAMAMAY
Busto ospita l’Olympic Dream Cup

Un evento sportivo di portata nazionale che vedrà sfidarsi i migliori giovani atleti di Taekwondo provenienti da diciassette regioni. “Prossimo obiettivo, la qualificazione ai giochi olimpici”

GIOGARA

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La città di Busto, nel weekend, torna protagonista dello sport di livello nazionale. Il Palayamamay sarà infatti il teatro della Coppa Italia di Taekwondo, l’Olympic Dream Cup, giunta alla quarta edizione. Dopo Ancona, Genova e Bari sarà Busto la sede della gara, ormai considerata un evento “classico” nel calendario della Federazione Italiana Taekwondo; vedrà atleti e atlete di età compresa tra gli undici e i diciassette anni, provenienti da 17 regioni. Alla presentazione dell’evento, in sala consiliare a Palazzo Gilardoni, ha partecipato il sindaco Emanuele Antonelli, il vicesindaco e presidente della federazione lombarda Taekwondo Stefano Ferrario, il presidente della federazione italiana Taekwondo Angelo Cito. Presenti anche il presidente regionale del Coni, Oreste Perri, e il delegato provinciale Marco Caccianiga.

“Per noi è diventata una consuetudine essere qui a Busto grazie a Stefano Ferrario che ha fatto un lavoro eccezionale – ha sottolineato Cito – la cosa che mi fa più piacere è vedere una squadra affiatata che mette a disposizione il proprio tempo, perché lo sport si basa sul volontariato. Il nostro prossimo obiettivo è la qualificazione ai giochi olimpici”.

La due giorni prenderà il via sabato 20 alle ore 9, quando entreranno in gara le categorie Cadetti. Alle 14.30, cerimonia di apertura, dalle 16 alle 19 operazioni di peso per gli atleti junior. Domenica 21 maggio saranno in gara le categorie Junior. L’ingresso è libero.

“Bravi ad atleti e federazioni, credo che ciascuno abbia il diritto di sognare di andare alle Olimpiadi, attraverso l’impegno, uno stile di vita corretto e prendendo atto delle vittorie ma anche delle sconfitte”, ha detto il presidente regionale Perri. “Lo sport è la terza agenzia educativa dopo la famiglia e la scuola”, evidenzia Caccianiga.

Massimo Tosi, presidente Assb, ha sottolineato l’importanza fondamentale dell’educazione sportiva e dell’aggregazione per i giovani.

Al termine della presentazione, il sindaco ha omaggiato i presidenti della Federazione con  il libro “Cuore di Busto” della Gmc editore.

Copyright @2017