“GIRO” GESTITO DA UNA 60ENNE CINESE
Busto, sequestrato appartamento destinato alla prostituzione

Tutto avveniva in zona ospedale. Clienti cercati su internet. A prostituirsi una connazionale irregolare

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nelle scorse ore, i Carabinieri di Busto Arsizio hanno denunciato per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e per favoreggiamento della permanenza di clandestini sul territorio nazionale una cinese di 60 anni, residente a Milano, con diversi precedenti alle spalle.

La donna, nei primi mesi dell’estate scorsa, aveva affittato un appartamento in zona ospedale e, tramite annunci pubblicati su diversi quotidiani locali, anche on line, procacciava clienti indirizzandoli nell’appartamento, all’interno del quale svolgeva attività di prostituzione una sua connazionale 48enne, senza fissa dimora e irregolare nel territorio italiano.

L’appartamento è stato sequestrato, insieme al numeroso materiale idoneo al “mestiere” trovato all’interno dei locali.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA