QUATTRO GIORNI DI SPETTACOLI, DANZA E INTRATTENIMENTO
Busto si lascia coinvolgere da musica e atmosfere celtiche. Torna Busto Folk

Da giovedì 13 a domenica 16 settembre, il Museo del Tessile ospiterà la diciassettesima edizione di “BustoFolk”, Festival Interceltico organizzato dalla Accademia Italiana di Danze Irlandesi “Gens d’Ys”

GIOGARA

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Da giovedì 13 a domenica 16 settembre, Busto si farà incantare dalle suggestive atmosfere celtiche.

Il Museo del Tessile ospiterà la diciassettesima edizione di “Bustofolk”, Festival Interceltico, tra i più importanti d’Italia, organizzato dall’Accademia di Danze Irlandesi “Gens d’Ys”.

“Questa edizione sarà ancora più bustocca”, annuncia l’assessore alla Cultura Manuela Maffioli: l’organizzazione dell’evento ha infatti coinvolto il “Tavolo Identità” fortemente voluto dall’assessorato per mettere in rete le associazioni e valorizzare le tradizioni locali.

“Busto Folk è in continua crescita ed è ormai inserita nel circuito internazionale. Oggi fa un salto in più,  grazie a questo importante lavoro di squadra che permette di far apprezzare le nostre tradizioni alle giovani generazioni”, ha evidenziato Umberto Crespi  presidente dell’Accademia di Danze Irlandesi Gens d’Ys.

L’evento è patrocinato dal Comune di Busto ed è sostenuto da Regione Lombardia (con il contributo economico dell’assessorato alla cultura guidato da Stefano Bruno Galli).  In rappresentanza della Regione, sono intervenuti alla presentazione i consiglieri Giacomo Cosentino e Francesca Brianza,che ha sottolineato: “Questa manifestazione si è rivelata una giusta intuizione. È un evento molto atteso che negli anni ha saputo diventare un punto di riferimento imprescindibile per la Provincia e la Regione, attraendo un pubblico numeroso che ha superato le 150mila presenze”.

Presenti anche i rappresentanti delle associazioni del Tavolo Identità: Silvio Accomando, Regiù della Famiglia Bustocca, Rolando Pizzoli ed Enrico Candiani per la Famiglia Sinaghina (che proporrano “Parlando della lingua Bustocca”, incontro-presentazione dei corsi di dialetto bustocco),  il fumettista Tiziano Riverso dell’associazione B-300 che insegnerà a ragazzi e adulti le migliori tecniche per disegnare paesaggi celtici ed Anna Fonti dell’associazione Asc. Sempre in ambito “bustocco”, all’interno della manifestazione si terrà un concerto con duecento bambini diretto dal maestro Fabio Gallazzi, nell’ambito del progetto di integrazione “A ta l’ho dì, talò”

 IL PROGRAMMA
Sono previsti quattro giorni di eventi culturali, musica, danze e giochi.

L’area concerti sarà il cuore pulsante del Festival: un intenso programma che comprende artisti e gruppi di musica folk, di fama nazionale e internazionale ma anche giovani emergenti, che si alterneranno sul grande palco (previsti 60 artisti, 15 concerti live in quattro giorni).

Tra i tanti musicisti che si esibiranno, da segnalare, the “Paul McKenna Band” (Scozia) definita dal New York Times “La miglior band folk che sia uscita dalla Scozia negli ultimi vent’anni” e Il grande “Ryan Murphy” (Irlanda-Scozia) che torna a Busto con la sua band, amici dal talento incredibile.

Inoltre è attesa l’esibizione dei  “Bonny Men” (Irlanda)  diventati rapidamente e meritatamente, gli artisti più chiacchierati ed eccitanti che siano emersi nella scena della musica popolare, tradizionale irlandese.

Senza dimenticare  “i ragazzacci di Busto” gli “Uncle Bard & The Dirty Bastards che, dopo aver girato l’intera Europa raccogliendo grandi successi, tornano a casa, per far ascoltare le loro migliori canzoni.

Insieme ai concerti, le danze tipiche, saranno il fulcro della manifestazione. Il Festival offre l’occasione per avvicinarsi a questo mondo, attraverso stage gratuiti e di facile apprendimento, tenuti da insegnanti professionisti, che trasporteranno gli appassionati nei ritmi delle  danze irlandesi, scozzesi e bretoni. Tutti i partecipanti, avranno l’opportunità di imparare o perfezionare la tecnica, per lasciarsi travolgere dalle melodie e poter ballare durante le feste che animeranno le serate (giovedì ore 21.00 la prima grande “festa a ballo” con la band scozzese “Paul Mc Kenna”).

Le danze, come ormai consuetudine, coinvolgeranno anche gli studenti degli Istituti Superiori di Busto Arsizio, che avranno modo di esibirsi, in un momento di festa, con musica dal vivo, sabato mattina al Festival.

Domenica sera la musica e il suono, delle famose “heavy shoes” irlandesi, invaderanno il Museo del Tessile,  si potrà assistere all’atteso spettacolo dell’Accademia Danze Irlandesi Gens d’YS che emozionerà il pubblico con le sue coinvolgenti coreografie.

Anche i bambini, nelle giornate di sabato 15 e domenica 16 settembre,  troveranno tante attività dedicate (bambini ingresso gratuito fino ai 12 anni). Scopriranno i giochi della tradizione, quelli di “una volta”, che si facevano prima dell’avvento della tecnologia; un modo per passare qualche ora spensierata, provando che ci si può ancora divertire, senza “cellulare”.

Non mancherà l’appuntamento con il rugby, per la prima volta proposto anche in versione “Touch”. Tornerà anche “la grande avventura in costume”. In questa edizione, i piccoli visitatori si troveranno nel mezzo della Battaglia del Fosso di Helm (da il Signore degli anelli).

Molti gli appuntamenti culturali, a partecipazione gratuita, che animeranno le giornate del Festival. Un palco teatrale,  allestito nel parco, sotto la direzione della mitica Daniela Iotti, diventerà uno spazio fuori dal  tempo,  per raccontare le storie di Busto Arsizio e della provincia (Daniela Iotti: ballerina, regista attrice, collabora anche con la compagnia Dramatrà). Si svolgerà inoltre il Concorso Letterario “Pagine Folk” e il “Contest di Body Painting”, la moderna evoluzione estetica dell’antica arte rituale di dipingere il corpo.

Durante la manifestazione, nell’area ad accesso gratuito, saranno presenti i “food truck” con specialità enogastronomiche italiane e delle regioni del nord Europa e non mancheranno le più classiche delle bevande:  la birra e l’idromele.

Un mercato artigianale, con oltre quaranta espositori, farà da cornice all’evento.

Il festival che per 17 anni consecutivi è cresciuto, raccogliendo grandi successi sia in termini di partecipazione del pubblico che di promozione del territorio (l’anno scorso ha registrato 3500 presenze).

COSTI: 6 euro: giovedì sera (Festa a ballo con consumazione inclusa)

8 euro: ingresso giornaliero

12 euro: 2 ingressi giornalieri, a scelta

20 euro: 4 ingressi giornalieri (quattro giorni)

Il biglietto comprende tutti i concerti all’interno  dell’area parco /giardino quadrato.  Non è nominale, farà fede il braccialetto della giornata.

Teatro e laboratori nella  zona parco, stage di danza, animazione bambini, ristorante e sala conferenze saranno ad accesso libero.

INGRESSO GRATUITO:

Fino ai 12 anni ingresso gratuito (anno di nascita 2006)

Invalidi 100% e accompagnatore: ingresso gratuito (obbligatoria fotocopia del documento di identità e tesserino nominale – La gratuità non è valida per percentuali inferiori al 100%)

I biglietti sono acquistabili anche on line sul sito www.bustofolk.it

Copyright @2018