Campionati di pallacanestro
Cade la Hydrotherm, Knights ko nel derby

In C gold Busto incappa nella prima sconfitta in campionato, mentre Legnano viene espugnata anche da Saronno. In Promozione ok Borsano ("7 eroi") e Antoniano

Enrico Salomi

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

L’Hydrotherm cade a Mortara
E alla quinta giornata la Hydrotherm cadde. Con l’infermeria piena (out Azzimonti, Fedrigo e Ferrario, fuori anche Caggiano, Tagliabue limitato da problemi ad un ginocchio), i bustocchi accettano il forsennato ritmo-partita imposto dai lomellini (miglior attacco, ma anche peggior difesa del girone) e si adeguano alla sparatoria imposta da coach Zanellati. Tirando anche bene, anzi benissimo, anzi super benissimo (16/23 da 3, il 70%), ma non riuscendo mai a graffiare in retroguardia e a imporre un proprio marchio difensivo.

Un sontuoso Vai (32 punti, con 1/1 da 2, 10/12 da 3 e 2 assist), insieme al solito Atsur (25 punti, con 6/9 da 2, 3/6 da 3, 4/4 ai liberi, 8 rimbalzi e 4 assist) e a un buonissimo Grampa (16 punti, con 3/6 da 2, 2/3 da 3, 4/5 ai liberi, 3 rimbalzi ed altrettanti assist), cercano di opporsi al duo lituano Urbanavicius-Pocius (48 punti in due) e al veterano Degrada (30 punti), ma la roulette russa del finale questa volta non premia i bustocchi. L’ultimo tiro un po’ forzato di Grampa non va a segno Mortara fa 2/2 dalla lunetta e poi lo scarico di Atsur per De Franco non viene convertito nel canestro-partita.

Partita dal punteggio molto alto – commenta coach Gianni Navadeterminata da grandi percentuali. Abbiamo dovuto giocare tre quarti del match con un quintetto basso, a causa degli infortuni e dei problemi di falli, adeguandoci ai loro ritmi. In attacco abbiamo tirato bene, ma è chiaro che se arriviamo punto-a-punto nel finale, a volte vinciamo, ma a volte possiamo anche perdere: questa è una lezione che dobbiamo imparare. Da questo match dobbiamo prendere le cose buone che abbiamo prodotto in attacco, come il movimento della palla e le grandi percentuali al tiro, ma dobbiamo soprattutto imparare le cose negative, perché non è pensabile vincere in trasferta subendo 105 punti”.

Bastek Team Battaglia Mortara-Hydrotherm Busto Arsizio: 105-104
(36-25; 60-60; 80-87)
Bastek Team Battaglia Mortara: Liso 18, Degrada 30, Invernizzi 4, Urbanavicius 23, Pocius 25; Sacchi 5, Mangiarotti n.e., Facchi, Muzio 3, Lonati n.e. Coach Zanellati.
Hydrotherm: Novati 5, Atsur 25, Vai 32, Croci 7, F. De Franco 9; Grampa 16, Tagliabue 6, Azzimonti n.e., Fedrigo n.e., R. De Franco 4, Chiesa n.e. Coach Nava.

Legnano ancora a secco al PalaKnight
Tanto entusiasmo sugli spalti (inclusi alcuni volti “nobili” della pallacanestro lombarda) e tanta curiosità in campo per riaccogliere il classicissimo derby tra Legnano e Saronno, un appuntamento storico che ritorna dopo alcuni anni di assenza.

I Knights si presentano ancora più corti nelle rotazioni (oltre a Di Gianvittorio che ha lasciato la squadra, il team di coach Silvio Saini deve fare a meno anche del tiratore Guidi, scavigliato in settimana). La partita è segnata sin dall’inizio (1-10 al 3’, con palle perse in serie dai padroni di casa, 2-17 al 5’, con gli unici punti segnati dalla lunetta da Di Dio, mentre da parte saronnese Gurioli e Clementoni martellano senza pietà): i Knights si rianimano momentaneamente con i 3 lunghi contemporaneamente in campo e due triple consecutive di Negri (18 punti per lui, 13-26 al 10’). All’inizio del secondo periodo i legnanesi arrivano a -11 sotto la generosa spinta di capitan Maiocco (13 punti), ma Saronno, pur con il secondo quintetto, riprende nettamente il controllo (17-35 al 14’, 36-55 al 20’). La partita finisce sostanzialmente qui. Un furibondo litigio in panchina tra coach Saini e Di Dio (appena cambiato) testimonia tutto il nervosismo in casa legnanese (42-76 al 30’). Da questo momento in poi campo per i ragazzini e gli spettatori sugli spalti, che si aspettavano un derby combattuto secondo tradizione, sono più intenti a smanettare sugli smartphone per le notizie provenienti da San Siro. Resta la maledizione del Knight Palace per una Legnano che adesso dovrà affrontare due trasferte consecutive a Cantù e a Calolziocorte. Sempre in attesa di notizie dal mercato di riparazione…

Legnano Knights-Robur Saronno: 56-94
(13-26; 36-55; 42-76)
Legnano Knights: Negri 18, Roncari 6, Di Dio 10, Maiocco 13, Fasani, Guidi n.e., Angiolini 2, Corti 4, Tognani 3, Azimonti, Ballarin, Porrati. Coach Saini.
Robur Basket Saronno: Gurioli 8, Politi 8, Gorla 6, Mariani 7, Clementoni 21, Leva 6, Tresso 16, Quaglia 1, Santambrogio 2, Tosi 12, Quinti 6, Pellegrini 1. Coach Grassi.

Promozione –Cso Borsano e Antoniano: a valanga!
Ancora una doppia vittoria per le squadre bustocche che militano nel campionato di Promozione!
Nel girone “Varese 1”, terzo successo consecutivo per il Cso Borsano, che, nonostante il solito rosario di assenze (out Lambertini, Monguzzi, Gavosto, Gallo, Maurovic, Toccano, Castiglioni e Armiraglio, a referto in soli 7 giocatori, di cui un ragazzo del 2000, Murano), sconfigge i Rams Daverio (85-73 il finale), grazie ad una grandissima prestazione di Andrea “Ciro” Ferrara (35 punti), bene accompagnato in attacco da Carnaghi e da Musicco (rispettivamente a quota 19 e 12).
Complimenti ai ragazzi – commenta coach Titti Mainioserei dire 7 eroi, che hanno lottato contro una buona squadra, riuscendo sempre a condurre nel punteggio e a portare a casa una vittoria meritata. Certo, la prova di Ferrara è stata strepitosa, trovando la via del ferro e riuscendo a battere un pressing asfissiante; ma direi che tutti hanno dato il proprio contributo. Abbiamo tirato benissimo contro la difesa a zona 3-2 (alla fine 11 triple, di cui 4 consecutive ad inizio del terzo quarto) e ciascuno ha portato il proprio mattoncino alla causa comune…”.
Prossimo appuntamento mercoledì 30, ancora al PalAriosto (inizio ore 21.15), contro il Bosto Varese.
In classifica rimane capolista solitaria Castronno a 8 punti, con i borsanesi lanciati all’inseguimento insieme a Cardano e Valcuvia (6 punti); in coda il Verbano Luino chiude la graduatoria ancora senza vittorie.

Vince alla grande anche l’Antoniano, che, nel gruppo “Milano 3“, abbatte tra le mura amiche del PalaDrago la capolista Stella Azzurra Castano (67-58). “Una grande partita – commenta il Presidente Riccardo Clericimolto “maschia” e che abbiamo interpretato al meglio. Abbiamo sempre condotto nel punteggio, poi nell’ultimo quarto la Stella Azzurra ha tentato la difesa a zona per riuscire a rientrare: i nostri tiratori non l’hanno attaccata al meglio, ma comunque abbiamo vinto il match grazie alla retroguardia, concedendo soli 58 punti alla capolista. Sono molto soddisfatto, perché la squadra ha dimostrato di saper soffrire e poi di dare la zampata giusta nei momenti giusti…”.
Prossima partita giovedì 31 (inizio alle ore 21.30) in trasferta a Gambolò.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA