LE PRECISAZIONI DELL’AMMINISTRAZIONE
Cancello di via Bonsignori: “Tutelato solo l’interesse pubblico”

In seguito all’articolo sulla vicenda del cancello di via Bonsignori/vicolo San Damiano, il sindaco Emanuele Antonelli ritiene necessari alcuni chiarimenti

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Spett. Informazione on line
Alla cortese attenzione del direttore Gianluigi Marcora

In seguito all’articolo comparso ieri a firma Mattia Brazzelli Lualdi sulla vicenda del cancello di via Bonsignori/vicolo San Damiano, il sindaco Antonelli ritiene necessari alcuni chiarimenti, basati su norme, atti e fatti ben precisi e non sul sentito dire.
Chiarimenti doverosi in quanto nel testo si ripetono insinuazioni e allusioni neanche troppo velate che risultano ancor più gravi e inopportune della scorrettezza del contenuto.
Ecco i fatti, che testimoniano che l’unico interesse tutelato dall’Amministrazione è quello pubblico:
lo smantellamento del cancello eseguito ieri si basa sulla sentenza del TAR Lombardia – Milano n. 1790/2017 con cui è stato respinto il ricorso del condominio e sono state ritenute legittime le ordinanze comunali n. 21 del febbraio 2016 e n. 257 del settembre 2016. In sostanza, le ordinanze imponevano al condominio lo smantellamento del cancello, che peraltro si trova su suolo pubblico, in quanto non supportato da alcun titolo edilizio.
Insomma un manufatto abusivo che il condominio si è guardato bene dal rimuovere e di cui è stato ordinato nuovamente lo smantellamento con diffida del 4 ottobre scorso: scaduto il termine di 5 giorni, l’Amministrazione, avendo titolo per procedere in seguito alla sentenza del TAR, ha provveduto tramite Agesp allo smantellamento d’ufficio con spese a carico del condominio.

L’autore dell’articolo si dovrebbe stupire non della solerzia con cui il Comune è intervenuto, quanto per il fatto che il condominio ha usufruito, pur non potendolo fare, di un cancello abusivo fin dal 2003… sono passati 14 anni durante i quali l’Amministrazione si è più volte rivolta al condominio perché regolarizzasse la situazione, senza ottenere alcuna risposta! E dalla scadenza imposta dalla prima ordinanza sono passati 17 mesi!

Ringraziamo il nostro Sindaco per la preziosa puntualizzazione, e doverosamente pubblichiamo
Gianluigi Marcora

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA

LEGGI ANCHE