IN 5.000 PER IL “PRISONER 709 TOUR” 2018
Caparezza show: PalaYamamay tutto esaurito / Le foto del concerto

PalaYamamay sold-out per il grande spettacolo del cantautore pugliese che ha presentato il nuovo disco e le sue hit storiche

GIOGARA

Igor Mutinari

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Sold out. In un PalaYamamay che per una sera non è casa delle farfalle della Unet E-Work Busto Arsizio, per due giorni al Centro Pavesi per preparare la partita di Pesaro, c’è Caparezza a rubare la scena e trasformare il tempio del volley in tempio della musica. Tutto esaurito, dicevamo, e da tempo, per il concerto del rapper pugliese che trasforma il freddo dell’inverno in un calore incredibile all’interno della bombonera bustocca. Nella penultima tappa del tour invernale dei palazzetti (si chiuderà il 25 a Perugia), che ha visto “Capa” girare l’Italia in lungo e in largo isole comprese, è arrivato l’ennesimo successo di musica e pubblico. I fans del musicista pugliese sono arrivati in massa da Lombardia, Piemonte e Liguria al PalaYamamay tanto che viale Gabardi è stato ben più congestionato del solito fin dal pomeriggio.

Un concerto diverso da quelli a cui il 44enne di Molfetta aveva abituato i suoi fans nei tour precedenti con ampio uso di coristi, coreografie e ballerini, tanto da poterlo quasi definire un musical in cui a tratti il rap lascia spazio al rock e alla verve dell’artista che interagisce di continuo con il suo pubblico. Ideato per promuovere il disco Prisoner 709 uscito pochi mesi or sono, il concerto è stato chiaramente diviso in tre parti. Nella prima parte il cantautore dall’inconfondibile capigliatura ha ripreso il concept dell’ultimo album, con il racconto intimo dei problemi di cui si sente, appunto, prigioniero e dell’acufene, un disturbo uditivo che non lo lascia da qualche anno. Nella seconda parte Michele Salvemini, vero nome del rapper, ha riproposto le sue hit come Fuori dal tunnel e Goodbye malinconia. Il gran finale, dopo oltre due ore e mezzo di musica, è tutto per il suo pubblico con una bella versione di Vengo dalla luna prima della chiusura con Abiura di me.

Ottimi i riscontri dei cinquemila presenti che hanno apprezzato lo spettacolo del cantante, di impatto dal punto di vista musicale e scenografico, e la gestione organizzativa di Nautilus Event che non ha mostrato pecche di sorta nemmeno nel deflusso finale in coordinamento con le forze dell’ordine. Insomma una gran serata di musica che conferma come queste iniziative con artisti di grande calibro possono attrarre interesse e muovere migliaia di persone per un evento da ricordare e replicare: dopo Caparezza, il 10 marzo sarà il turno di Gigi D’Agostino, re indiscusso della hit parade a cavallo del millennio.

Copyright @2018