Innovativo progetto culturale del Comune di Castellanza
Caro cittadino, cosa puoi e vuoi fare per la tua comunità? Mettici la faccia!

Recuperare, risvegliare, rilanciare il senso civico e conseguentemente rivalutare l’educazione civica tout court. E’ questo lo scopo principale dell’iniziativa “I castellanzesi ci mettono la faccia” presentata dall’Amministrazione Comunale

Luciano Landoni

CASTELLANZA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Recuperare, risvegliare, rilanciare il senso civico e conseguentemente rivalutare l’educazione civica tout court.

E’ questo lo scopo principale dell’iniziativa “I castellanzesi ci mettono la faccia” presentata alla stampa dall’Amministrazione Comunale di Castellanza.

Mediante il coinvolgimento diretto di alcune fra le più significative Associazioni presenti e operanti in città (il Gruppo degli Alpini, la Protezione Civile, i Carabinieri in congedo, il Corpo Musicale Santa Cecilia) e con la collaborazione tecnica di A.F.I.-Archivio Fotografico Italiano il sindaco Mirella Cerini e il vice sindaco Cristina Borroni, affiancate dagli assessori Gigi Croci, Giuliano Vialetto e Claudio Caldiroli, hanno messo in mostra sei grandi manifesti fotografici ognuno dei quali riferito ad altrettante tematiche di rilevante contenuto ed impatto sociale e ciascuno con i volti degli operatori (tutti volontari) maggiormente “esperti” nella specifica problematica.

Tutti i manifesti, inoltre, attraverso uno slogan ad effetto, puntano a sensibilizzare e coinvolgere l’intera popolazione di Castellanza.

Dalla guida sicura: “Accendi il motore, accendi il cervello, lascia il cellulare, mani al volante … la tua vita è più importante”, testimonial l’Associazione Carabinieri in congedo alla lotta contro il gioco d’azzardo: “Stop! Non giocarti il futuro, scommetti sulla vita, allontana l’azzardo!”, testimonial i Consiglieri comunali della maggioranza.

Dal volontario socio-culturale: “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo, diventa volontario civico!”, testimonial i componenti del Corpo Musicale Santa Cecilia alla difesa dell’ambiente: “L’ambiente è nostro difendiamolo. Abbandona le cattive abitudini, non i rifiuti!”, testimonial il gruppo della Protezione Civile.

Dalla sicurezza: “Il miglior antifurto è il tuo vicino: con il controllo di vicinato ascolti, osservi e chiami”, testimonial l’Associazione Nazionale Alpini  alla pulizia degli spazi urbani: “Chi raccoglie semina civiltà. Usa la paletta e la città ne beneficerà!”, testimonial i componenti della Giunta comunale insieme con un magnifico cane di nome Kyle.

“Abbiamo voluto lanciare questo progetto – ha spiegato il sindaco Mirella Cerini – per sensibilizzare i cittadini su un tema fondamentale come quello del senso civico e per farlo abbiamo chiesto ai cittadini castellanzesi di metterci la faccia. La speranza è che questa iniziativa – ha aggiunto, dopo aver ringraziato con sincero entusiasmo tutte le Associazioni e l’A.F.I. – serva a educare i cittadini e faccia comprendere loro il senso di responsabilità che nasce nel momento stesso in cui si vive l’appartenenza ad una comunità”.

“E’ anche un modo – ha sottolineato la vice sindaco Cristina Borroni – per diffondere un sentimento di fiducia collettiva in un momento in cui la percezione della realtà, e non la realtà vera, sembra stia minando le basi della convivenza civile, del rispetto reciproco, della voglia sincera di collaborare tutti insieme per risolvere i problemi e non per specularci sopra”.

“Quando il nostro sindaco ci ha chiamati – ha detto il capo Gruppo degli Alpini di Castellanza Dario Crenna – e ci ha spiegato cosa voleva fare, noi abbiamo detto subito di e ci siamo messi a disposizione”.

“E’ stata una bella proposta in termini di coinvolgimento e quindi abbiamo aderito con entusiasmo. Il nostro è volontariato culturale – gli ha fatto eco Davide Tarlazzi presidente del Corpo Musicale Santa Cecilia – sostenuto da una passione condivisa che speriamo possa diffondersi sempre di più”.

“Abbiamo fornito la nostra collaborazione con grande piacere – ha precisato Claudio Argentiero presidente di A.F.I. -; questa serie di fotografie è uno spaccato della realtà cittadina e può anche essere un modo per aiutare i giovani a conoscere Associazioni a cui vale la pena di avvicinarsi”.

“Questo progetto ha un’ispirazione kennedyana, se così la posso chiamare, perché sollecita i cittadini a fare qualcosa per il loro Comune, senza limitarsi a chiedere qualcosa al Comune stesso”, ha commentato l’assessore Claudio Caldiroli.

Dal 1° luglio i sei manifesti fotografici saranno affissi a rotazione nei 30 spazi cittadini riservati alle comunicazioni istituzionali.

“Ci tengo a precisare – ha concluso il sindaco Mirella Cerini – che tutto il progetto è a costo zero essendosi integralmente basato sulla stretta collaborazione con A.F.I. e le diverse Associazioni”.

Vale la pena osservare che l’iniziativa di sensibilizzazione civica lanciata dal Comune di Castellanza costituisce un’assoluta novità nell’ambito delle attività socio-culturali delle Amministrazioni comunali.

Copyright @2019