20^ giornata - scivola il Busto 81
Cas di forza nel derby, Borsanese in scioltezza

Cas batte Antoniana 3 a 0. Poker Borsanese; pari San Marco; sconfitte Busto 81 e Ardor. Beata e San Filippo ferme ai box

Simone Testa

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il maltempo continua a tormentare il cammino delle bustocche in questa seconda parte di campionato e, dopo la settimana di stop imposta dalla Lnd a causa della pioggia e della neve caduta lo scorso week-end, resta ancora fermo ai box il Beata Giuliana, che non ha potuto disputare il match in casa del Lonate Pozzolo per impraticabilità del campo. Ha fatto in tempo a correre ai ripari il Busto 81 che, una volta constatata l’impraticabilità del “Chinetti” (causa presenza di ghiaccio sulla fascia lato tribuna), ha ottenuto in prestito il sintetico del comunale “Mario Porta” di Vedano Olona su gentile concessione della Varesina, impegnata fuori casa. Nel girone A di Terza Categoria sconta il turno di riposo il San Filippo.

Eccellenza

Busto 81-Fenegrò: 0-2

Scivola il Busto 81 di Stefano Civeriati, che perde lo scontro playoff col Fenegrò per 2 a 0. Match disputato sul sintetico del comunale “Mario Porta” di Vedano Olona, su gentile concessione della Varesina, causa presenza di ghiaccio sulla fascia lato tribuna del “Chinetti”. I bustocchi, dopo un buon primo tempo che li vede creare diverse palle gol, passano in svantaggio ad inizio ripresa con un tap-in dopo una mischia in area di rigore. I vari tentativi di rientrare in partita si rivelano vani per gli undici di mister Civeriati e, sul finale di partita, il Fenegrò mette il risultato in cassaforte con il gol dell’ex Scapinello.

“Partita giostrata bene per un’ora di gioco, poi il gol ha decisamente cambiato le carte in tavola. Peccato per alcuni episodi sfortunati” commenta il team manager Giorgio Tomasini.

Prima Categoria

Cas-Antoniana: 3-0

Prova di forza per il Cas di Luciano Cau che fa suo il primo, e sentitissimo, derby bustocco del 2019 contro l’Antoniana di Cristian Pavone. Sul rettangolo di gioco sinaghino, reso pesante e fangoso dalla pioggia, il primo vero pericolo lo creano i giallorossi che, con una pennellata di Mileo su punizione, colpiscono la traversa. Ma l’episodio che condiziona irrimediabilmente la gara arriva già a metà del primo tempo, quando capitan Santaniello (Antoniana), a causa di qualche parola di troppo colleziona il secondo giallo e finisce negli spogliatoi. Gli uomini di mister Pavone reggono fino all’inizio della seconda frazione di gara, poi sale in cattedra Caccia, che raccoglie l’invito di Agrello e fredda proprio l’ex portiere sinaghino Melchiorre. Non passa molto e Caccia torna ad infilarsi tra le maglie della difesa giallorossa, si libera con una pregevole finta ed insacca nuovamente. Chiude la partita Berton, che stoppa la sfera col petto ed esplode un tiro violentissimo che non lascia scampo a Melchiorre.

“Buona prestazione. Per continuare a lottare per la vetta dobbiamo spingere sempre al massimo ed in ogni condizione, questa è la nostra filosofia di gioco” rivela mister Cau.

“Abbiamo retto per un tempo, ma dobbiamo migliorare di testa. Ci siamo messi nei guai da soli” ammette mister Pavone.

San Marco-Arsaghese: 1-1

San Marco ed Arsaghese si portano a casa un pareggio che rispecchia pienamente l’equilibrio visto in campo. Partita maschia e combattuta, disputata su un terreno di gioco ai limiti dell’impraticabilità, che ha visto gli uomini di mister Marchiorato passare per primi in vantaggio con la rete di Andreolli dopo una ribattuta sulla palla messa in mezzo da Vergari. La risposta ospite non si fa attendere e, dopo una manciata di minuti l’Arsaghese ripristina il pari con un’imbucata sul filo del fuorigioco. Nella ripresa si presentano occasioni da entrambe le parti, ma nessuna di queste riuscirà a spostare il punteggio dal definitivo 1 a 1.

“Partita molto fisica e giocata sull’agonismo. Abbiamo portato a casa un punto importante per smuovere la classifica, adesso pensiamo al recupero di giovedì” sottolinea mister Marchiorato.

Seconda Categoria

Lonate Pozzolo-Beata Giuliana: RINVIATA

Match non disputato causa terreno parzialmente ghiacciato.

Borsanese-Città di Samarate: 4-0

Continua il periodo positivo della Borsanese di Davide Tomanin, che stende il Samarate con un netto 4 a 0. I bustocchi aprono le danze dopo mezz’ora di gioco con Bottin che appoggia comodamente in rete il cross di Tagliabue dalla sinistra. Nella ripresa si gioca ad una porta sola. Il raddoppio biancoazzurro è firmato Carrozza, che sfrutta al meglio una ripartenza veloce; poco dopo è il turno di Tagliabue, che salta il portiere ed infila il pallone in fondo al sacco. Per finire, Costa chiude i giochi con un bel pallonetto. Ma adesso testa a giovedì, quando i ragazzi di mister Tomanin, alle ore 21, giocheranno in casa il recupero del diciottesimo turno di campionato contro la Virtus Cantalupo.

“Siamo riusciti a tenere alta la concentrazione per tutta la partita, abbiamo espresso un buon gioco e stiamo attraversando un bel periodo. Dobbiamo continuare così” evidenzia mister Tomanin

Terza Categoria

San Giorgio-Ardor: 2-1

Niente da fare per l’Ardor di Matteo Gastaldello, che al termine di 90 minuti di lotta serrata deve arrendersi alla dura legge nel novantesimo. Nonostante la partenza sottotono, il primo brivido del match è targato Ardor, ma la conclusione di Pelosi finisce alta sopra la traversa. Si dimostrano più precisi i padroni di casa che, una manciata di minuti dopo, riescono a gonfiare la rete bustocca. La risposta dei ragazzi di mister Gastaldello è pressoché immediata: il tiro da fuori di Paglione viene respinto dal portiere, ma Franzini riesce ad avventarsi prima di tutti sulla ribattuta e a spingere il pallone in rete. Ad inizio ripresa, però, arriva subito una tegola per i bustocchi, che restano in dieci a causa dell’espulsione per proteste di Rappa. Gli ardorini non si perdono d’animo e, con la girandola dei cambi, mister Gastaldello prova a portare a casa ugualmente il bottino pieno, ma le conclusioni dal limite, prima di Paglione e poi di Genoni, finiscono fuori per un soffio. Ma al 93’ arriva anche la beffa per i bustocchi, che subiscono il gol del definitivo 2 a 1 in favore del San Giorgio su calcio di punizione.

“Non siamo entrati in campo con la giusta determinazione. Nel secondo tempo siamo cresciuti, ma non basta. Per i playoff la situazione si complica, ma noi finché la matematica ce lo consentirà, andremo avanti a lottare” dichiara mister Gastaldello.

Sconta il turno di riposo il San Filippo.

Copyright @2019