REGOLE DA RISPETTARE
Caso migranti

Infuria sempre più la "battaglia" sui migranti. La cronaca si fa spavalda. La teoria lascia spazio alla pratica. E i numeri si contano (in questo caso, purtroppo).

Gianluigi Marcora

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Infuria sempre più la “battaglia” sui migranti. La cronaca si fa spavalda. La teoria lascia spazio alla pratica. E i numeri si contano (in questo caso, purtroppo). Dallo Yemen si apprende che oltre 300 giovani (età media 16 anni) sono scaraventati (letteralmente) in mare dalle nave di “soccorso” senza battere ciglio verso una morte sicura, per andare a “soccorrere” altri giovani che sicuramente faranno identica fine.

Allo Yemen interessa il “carico”: ogni carico pagato a caro prezzo…. per morire.

Da noi, si schiude uno spiraglio. La CEI apre alla “cultura dell’Accoglienza” come predica il Papa, ma “a precise regole” come continua a ribadire il Ministro Minniti. L’interesse “per il più debole, il migrante” si sposta su basi di “buon senso” e contro i “mercenari di carne umana” che fanno un “losco commercio” attuando una “schiavitù moderna” definita “piaga aberrante”.

Questo “buon senso” si basa sul rispetto delle regole e chi non ci sta deve essere messo fuori dai giochi e non va incluso fra le ONG che coadiuvano il lavoro preziosissimo “solo” dell’Italia, ma tuttora farraginoso di un’Europa con le …. idee chiare (aiuti all’Italia, pochi) con contributi insoddisfacenti. A proposito: cosa aspetta l’Italia a dire “gli oneri per i migranti devono costituire l’acconto del Paese per quota Europa?”.

Riprendiamo il discorso sul “rispetto delle regole” che deve essere il “vangelo” dell’Accoglienza per non arrivare al paventato disastro sotto tutti gli aspetti. I migranti devono essere soccorsi e non “raccattati” su indicazione degli scafisti. Soccorsi per un vero pericolo e non trasbordati da “carrette del mare” peraltro vendute a caro prezzo e mai distrutte.

Accoglienza sotto l’aspetto umanitario e non sotto l’aspetto ….. monetario, dove a lucrare, oltre agli scafisti, sono gli intermediari della “piaga aberrante” del commercio della “moderna schiavitù”. Chi viene da noi non può pagare 2000-3000 dollari per un tragitto assai pericoloso con la quasi certezza di finire affogato.

Chi vuol essere Accolto deve essere in regola con le …. regole, con tanto di lasciapassare. La “storia” di chi fugge da guerre e carestie, deve finire. L’Accoglienza deve avvenire prima dell’imbarco e non a “soccorso” appena fuori dal porto Libico, Egiziano o Tunisino.

Fino a quando non saranno rispettate le “regole” continueremo a effettuare una falsa Accoglienza e tutto il mondo che ruota attorno al “commercio” dei migranti continuerà a proliferare. Una volta stabilito che in Italia si approda con i documenti appropriati, anche la “migrazione stolta” andrà a finire.

Oggi va bene tutto “madama la marchesa” e perdono Umanità e Accoglienza, a vantaggio del mercimonio stolto e conveniente. Adesso il “fronte” vede il laico Governo e la Chiesa sullo stesso piano per via delle Regole. Rispettiamole!

Copyright @2017

DALLE RUBRICHE