I SINDACI DI CASTELLANZA, OLGIATE E MARNATE CHIEDONO RISPOSTE
Cattivi odori in Valle. “Servono azioni e indagini concrete”

Nonostante l’attivazione del nuovo impianto di depurazione delle acque di scarico del Polo Chimico, la situazione degli odori molesti nell’ultimo periodo non accenna a migliorare e sono moltissimi i cittadini che hanno nuovamente segnalato il problema

Loretta Girola

castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nonostante l’attivazione del nuovo impianto di depurazione delle acque di scarico del Polo Chimico, la situazione degli odori molesti nell’ultimo periodo non accenna a migliorare, e sono moltissimi i cittadini che hanno nuovamente segnalato alle Amministrazioni di Olgiate Olona, Castellanza e Marnate la presenza di cattivi odori soprattutto di prima mattina e nelle ore serali.
Anche per questo i sindaci dei tre comuni hanno convocato un tavolo tecnico per discutere della situazione trovare finalmente una soluzione che metta fine al problema una volta per tutte.

“La scorsa settimana – spiegano da Palazzo Brambilla – si è tenuto il tavolo tecnico convocato dai Comuni di Castellanza, Olgiate Olona e Marnate per definire le strategie da adottare per combattere il problema delle emissioni moleste lungo l’asta del fiume Olona.
Al tavolo è stato convocato il Politecnico di Milano, che ha dato disponibilità ad individuare le possibili sorgenti degli odori molesti che causano lamentele e disagio ai cittadini residenti, come previsto dalla fase B della DGR 3018/2012. In un precedente incontro del tavolo tecnico, svoltosi alla fine di gennaio, alla presenza della Provincia, di Arpa, ATS e degli enti competenti, si era infatti condivisa la necessità di procedere al coinvolgimento delle realtà produttive sospette e di chiedere la loro collaborazione per far effettuare agli esperti del Politecnico, della Facoltà di ingegneria chimica, rilievi olfattometrici in prossimità dei potenziali punti di emissione, al fine di determinare o escludere responsabilità in merito.
Questa seconda fase è attuabile poiché la fase A si può ritenere già espletata dalla raccolta di segnalazioni da parte dei cittadini e degli uffici che, nei mesi scorsi, hanno annotato giorni e orari relativi alla presenza di odori nell’aria”.

“Contiamo – afferma il Sindaco di Castellanza Mirella Cerini – di poter sottoscrivere l’accordo di adesione da parte delle aziende quanto prima, anche se verbalmente già hanno manifestato il loro assenso”. “Siamo concordi sul percorso intrapreso col Politecnico – prosegue l’omologo di Olgiate Olona Gianni Montano – un’azione che, come amministrazioni comunali, abbiamo fortemente voluto per cercare di individuare l’origine degli odori e che riteniamo sarà efficace nel cogliere le effettive criticità”.
“Vogliamo che la cittadinanza sappia che il problema ci sta a cuore e che siamo determinati ad affrontarlo e risolverlo, considerata l’estensione delle lamentele – puntualizza il primo cittadino di Marnate Marco Scazzosi – le amministrazioni si stanno muovendo in un’unica direzione mettendo in atto un percorso che speriamo possa dare risposte in un breve periodo”.

“Inoltre, proprio per rispondere alle preoccupazioni della collettività, abbiamo inviato – conclude Cerini – una lettera congiunta ad ATS, chiedendo di effettuare un’indagine epidemiologica finalizzata a determinare l’eventuale impatto che queste molestie olfattive possono avere sulla salute dei nostri cittadini. Azioni e indagini concrete, quelle che stiamo portando avanti come amministrazioni, perché è nostro interesse dare risposte serie alla cittadinanza”.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA