SERIE A1 - 4^Giornata
C’è sempre una prima volta: Sport Management, grazie lo stesso

Prima battuta d'arresto stagionale per la Sport Management che, dopo una strepitosa striscia di 18 gare senza sconfitte, deve arrendersi all'An Brescia, capace di imporsi alla "Manara" per 7-10

GIOGARA

Mattia Brazzelli Lualdi

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Prima battuta d’arresto stagionale per la Sport Management che, dopo una strepitosa striscia positiva di 18 gare senza sconfitta (19 considerando la finalina scudetto ad Ortigia), deve arrendersi all’An Brescia, capace di imporsi alla “Manara” di Busto al termine di un derby lombardo combattutissimo, deciso fra la fine del terzo tempo da un controverso fallo fischiato in attacco a Mirarchi (poi espulso per proteste al pari di Baldineti e del suo vice) e l’inizio del quarto tempo dalla micidiale doppietta di Rizzo.

Il 7-10 finale – che non rende del tutto giustizia alla prova generosa e grintosa dei Mastini, scontratisi con un Del Lungo a tratti insuperabile e imbattutisi nella vendetta dell’ex (poker di Figlioli) – non cancella comunque l’impresa dei ragazzi del patron Sergio Tosi, protagonisti di uno straordinario avvio di stagione, con 17 vittorie ed 1 pareggio.

PRIMO QUARTO
In  una gremita piscina “Manara”, fra cui spicca la presenza della leggenda della pallanuoto Ratko Rudic, attuale allenatore della Pro Recco, l’An  Brescia sblocca il risultato con il bel pallonetto di Presciutti, ma Di Somma ristabilisce subito la parità. Dopo lo sfortunato palo di Fondelli (con la palla che galleggia sulla linea di porta) e la traversa piena di Figlioli, è lo stesso Figlioli in contropiede a riportare avanti la Leonessa. Valentino fallisce in superiorità la chance per il pari, mentre Figlioli no: 3-1. A rimettere in scia i gialloblù ci pensa Alesiani, mentre spetta a Mirarchi firmare il 3-3, con cui finisce il primo quarto sul contropiede di Luongo fermato con le cattive dagli avversari.

SECONDO QUARTO
Zeno Bertoli rimette la freccia per l’An, mentre Dolce e Bruni prima, e Luongo poi non riescono a bucare l’ottimo Del Lungo; l’ex Gallo centra l’incrocio, ma è ancora il portiere bresciano a superarsi sulla girata ravvicinata di Casasola. Dopo una dubbia decisione arbitrale ai danni di Alesiani, Di Somma quasi allo scadere manca la deviazione volante del possibile pari: si va all’intervallo sul 3-4 dopo una frazione combattutissima.

TERZO QUARTO
Sul tocco a colpo sicuro di Bruni, Del Luongo compie un autentico miracolo negando un gol sicuro alla Sport Management che, sull’azione seguente, deve capitolare alla tripletta dell’ex Figlioli (3-5). Dopo oltre 15 minuti di digiuno, Damonte fa ritrovare la via della rete ai bustocchi che si vedono negare dal palo (su tiro di Alesiani) il meritato pareggio. Dopo un’assurda espulsione a Mirarchi, cinturato platealmente, Muslim gela la “Manara” firmando il 4-6 e scatenando la comprensibile reazione di rabbia di Baldineti, allontanato per proteste così come il suo vice.

QUARTO QUARTO
Il rigore trasformato in avvio da capitan Luongo riaccende gli entusiasmi dei tifosi di casa, ma Rizzo prima pesca l’eurogol che ristabilisce il +2 ospite, poi trova impreparato dalla distanza Lazovic (5-8). E’ l’1-2 che di fatto decide il match, anche perché Figlioli mette a segno addirittura il poker personale (5-9). Di Somma prova a rendere meno amara la sconfitta, ma Presciutti riporta la Leonessa a + 4. Luongo sigla il 7-10 con cui si conclude il match.

IL TABELLINO
Sport Management-An Brescia: 7-10
(3-3, 0-1, 1-2, 3-4)
SPORT MANAGEMENT: Lazovic, Dolce, Damonte 1, Alesiani 1, Fondelli, Di Somma 2, Drasovic, Bruni, Mirarchi 1, Luongo 2 (1 rig), Casasola, Valentino, Nicosia. All. Baldineti.
AN BRESCIA: Del Lungo, Guerrato, Presciutti 2, Figlioli 4, Gallo, Rizzo 2, Muslim 1, Nora, Presciutti, Bertoli 1, Janovic, Vukcevic, Morretti. All. Bovo.
ARBITRI: Calabrò e Paoletti
NOTE: Usciti per limite di falli Bertoli (B) nel terzo tempo e Guerrato (B) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Sport Management 4/14 + un rigore e Brescia 5/12. Espulso per proteste il tecnico Baldineti (S) nel terzo tempo. Spettatori 800 circa.

RISULTATI
Busto Bpm Sport Management-Brescia: 7-10, Pro Recco-Catania: 22-3, Savona-Ortigia 9-10, Lazio-Posillipo 7-14, Napoli-Bogliasco 9-8, Florentia-Genova Quinto 6-7, Trieste-Roma 8-7.

CLASSIFICA
Posillipo, An Brescia 12; Bpm Sport Management Busto Arsizio, An Brescia e Genova Quinto, Pro Recco 9; Ortigia, Trieste e Napoli 6; Lazio 4; Roma, Florentia e Napoli 3; Bogliasco 1; Catania 0.

PROSSIMO TURNO
Sabato 10 novembre
Pro Recco-Busto Bpm Sport Management, Ortigia-Brescia, Posillipo-Napoli, Bogliasco-Florentia, Catania-Trieste, Genova Quinto-Savona, Roma-Lazio.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA