FUNZIONARIO IN COMUNE DAL 1992
Chiara Guzzo va in pensione: “Busto sempre attenta all’attività educativa”

Il 31 agosto sarà il suo ultimo giorno di lavoro: il saluto di colleghi e maestre. “Negli anni il mondo dell’educazione è diventato più complesso, ma qui siamo all’altezza della situazione”

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Era il gennaio del 1992 quando Chiara Guzzo, dopo aver lavorato in altri enti pubblici e dopo aver insegnato in scuole elementari e medie, assunse l’incarico di funzionario presso il Comune di Busto Arsizio, diventando responsabile dei servizi scolastici ed educativi.
Quello appena iniziato sarà il suo ultimo mese di lavoro: il 31 agosto, infatti, andrà in pensione. E se gli ultimi giorni in ufficio saranno particolarmente intensi – c’è infatti da predisporre la riapertura delle scuole – nelle scorse ore dipendenti comunali, educatrici, cuoche e ausiliarie di asili nido e scuole materne hanno voluto festeggiare con lei l’importante traguardo ormai alle porte.
“Per te non sarà facile staccare dal lavoro – hanno scritto i colleghi in uno dei tanti biglietti –. Ti ricorderemo come un vero e proprio archivio di esperienza, ma anche per la sensibilità e il riguardo dimostrati verso ogni nostro problema”.

Da parte sua, Guzzo lascia affermando con orgoglio che “servizi come quello degli asili nido sono riconosciuti come fiore all’occhiello della città. Negli anni la sensibilità verso le attività educative è cresciuta. L’attenzione per le scuole ma anche per le altre attività didattiche non è mai mancata”.
E se con il passare del tempo il modo di lavorare è cambiato, “la voglia di migliorare e di fare del nostro meglio non è mai venuta meno. Le educatrici e tutto il personale svolgono un lavoro delicato che quotidianamente le mette a contatto con i bambini e le loro famiglie. Le problematiche familiari sono in aumento, il mondo dell’educazione è diventato più complicato, ma il Comune di Busto si è sempre dimostrato all’altezza della situazione. E questo si deve anche all’attenzione e alla sensibilità che le varie amministrazioni che si sono susseguite hanno sempre dimostrato verso i problemi scolastici”.

rc

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA