L’EX ASSESSORE DIFENDE LA VECCHIA AMMINISTRAZIONE
Cislaghi contro il suo successore Arabini: “Basta critiche”

Dai Servizi sociali al caso Accam, passando per l’ospedale unico. Le riflessioni dell’ex esponente di giunta

Riccardo Canetta

busto arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Mario Cislaghi pungola l’amministrazione comunale. E, in particolare, si toglie un sassolino dalla scarpa relativo a chi ha preso il suo posto in via Roma, alla guida dei Servizi sociali. Vale a dire Miriam Arabini. “L’assessore non fa altro che addossare colpe a chi c’era prima – afferma – Questa situazione mi ha stufato, pensi a fare bene il suo lavoro, se ne è capace”.

Cislaghi pensa al caso del centro per la terza età di via Tasso, con i dipendenti sul piede di guerra per alcuni licenziamenti e la riduzione delle ore di lavoro. “Noi abbiamo lasciato tutte le gare rinnovate salvaguardando i posti di lavoro. Nessuno può scaricare colpe inesistenti sulla precedente amministrazione”.

Più in generale, l’ex assessore si dice disponibile a confrontarsi con l’attuale esponente della giunta su “sfratti, minori, comunità. Sono pronto a portare i dati, magari in commissione. L’assessore faccia altrettanto e vediamo se davvero chi c’era prima lavorava così male. Il mio non è un attacco alla maggioranza, ma non ne posso più di sentire che tutte le colpe vanno attribuite all’amministrazione di cui ho fatto parte”.

Ma a preoccupare Cislaghi è soprattutto un altro ambito a lui vicino, vale a dire Accam. “Ci ho lavorato per anni e lì ho ancora tanti amici. Mi pare assurdo che Comuni piccoli e grandi si mettano a litigare col rischio che a dicembre non ci siano più le condizioni per andare avanti”. Il riferimento è alla richiesta dei soci minori di stoppare l’adeguamento dei filtri in attesa che l’Autorità nazionale anticorruzione verifichi la regolarità dell’assegnazione dei lavori a Europower.
“Il fallimento della società e l’eventuale ingresso di un privato non credo gioverebbe a Borsano né all’ambiente né ai 90 lavoratori”.

E a non convincere Cislaghi è anche il nuovo ospedale unico. “Nel quartiere se ne parla (l’ex assessore è molto attivo a San Giuseppe, che proprio in questi giorni sta lavorando alla festa patronale, ndr). E c’è il timore che un’area molto grande venga abbandonata al degrado”.

Copyright @2017