Un esempio di alleanza competitiva fra due aziende ultra-innovative
Comerio Ercole e Directa Plus alla conquista del futuro con il grafene

Ricerca, innovazione, sviluppo. Una specie di “triplice alleanza” attraverso cui migliore le performance aziendali e puntare decisamente verso l’effettiva conquista del futuro, partendo da tradizioni storiche di assoluto rilievo

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Ricerca, innovazione, sviluppo.

Una specie di “triplice alleanza” attraverso cui migliore le performance aziendali e puntare decisamente verso l’effettiva conquista del futuro, partendo da tradizioni storiche di assoluto rilievo.

E’ così che, in estrema sintesi, si può spiegare il significato dell’accordo strategico siglato dalla Comerio Ercole Busto Arsizio (storica azienda industriale del territorio, fondata nel 1885) con uno dei più importanti produttori e fornitori di prodotti a base di grafene, Directa Plus.

Il grafene è un materiale ultra-innovativo, scoperto nel 2004, con delle caratteristiche straordinarie: la resistenza del diamante e la flessibilità della plastica.

Directa Plus, azienda fondata nel 2005, è uno dei più grandi produttori e fornitori di prodotti a base grafene destinati ai mercati internazionali.

I prodotti a base grafene di Directa Plus, identificati dal brand G+ (Graphene Plus) sono naturali, chemical-free, certificati ipoallergenici, non tossici e non citotossici da un laboratorio indipendente, realizzati in modo sostenibile e su misura a partire dalle richieste specifiche dei clienti. Directa Plus si focalizza principalmente in due settori, dove detiene un forte vantaggio competitivo in termini di prodotti commercializzati e leadership tecnologica: ambientale  e tessile (basato sui prodotti G+).  È inoltre attiva, sempre con i prodotti G+, nel campo degli elastomeri e dei materiali compositi (tra cui pneumatici e asfalti). Fondata nel 2005, Directa Plus crea i propri prodotti a base grafene nelle Officine del Grafene di Lomazzo (Co), attraverso un processo brevettato.

Insomma, un vero e proprio matrimonio manifatturiero fra due imprese che fanno della conquista del futuro il loro mantra aziendale.

 “Comerio Ercole è sempre stata un pioniere nel campo dell’innovazione industriale nell’ambito dei processi di mescolazione e calandratura. Insieme a Directa Plus – ha commentato Riccardo Comerio, Ceo della Comerio Ercole e presidente della LIUC-Università Cattaneo affronteremo una nuova sfida, quella di identificare i possibili usi del grafene nei nostri macchinari e impianti per clienti selezionati e qualificati. Il nostro obiettivo è sviluppare, attraverso la nostra esperienza di laboratorio, macchinari industriali customizzati per applicazioni specifiche utilizzando il grafene”

“Lavorare insieme a partner selezionati che, come Comerio Ercole, condividono la nostra visione di innovazione e sviluppo dei prodotti, ci permetterà di portare sui mercati globali – ha precisato Giulio Cesareo, fondatore e Ceo di Directa Plus –  sempre più prodotti contenenti Graphene Plus, che si distinguono per le elevate performance conferite dal grafene. Il nostro obiettivo, attraverso questo accordo, è quello di mettere a frutto l’expertise di Comerio Ercole nei materiali e nei macchinari insieme alla nostra conoscenza del grafene, per creare nuove opportunità di business per entrambe le aziende. È proprio questa la nostra visione di exponential company: allargare gli orizzonti della propria azienda per lavorare insieme a progetti di sviluppo utili ad entrambi, condividendo la conoscenza dei prodotti, dei materiali e dei mercati”.

Secondo l’accordo sottoscritto, Directa Plus potrà utilizzare il laboratorio prototipale di Comerio Ercole per il processo di polimeri ed elastomeri con macchine di mescolazione e calandratura, con l’obiettivo di produrre e ottimizzare compound contenenti Graphene Plus.

Directa Plus, oltre a testare la propria tecnologia per applicazioni nel campo dei polimeri e degli elastomeri, promuoverà anche la propria attività e i propri prodotti presso i consumatori finali e gli utilizzatori delle macchine e degli impianti commercializzati da Comerio Ercole, anche attraverso la partecipazione congiunta a eventi e fiere internazionali.

Proprio in questi  giorni, infatti, viene innaugurato da Comerio Ercole  il nuovissimo laboratorio di calandratura e mescolazione presso il proprio sito di Castellanza ed anche il nuovo stabilimento di meccatronica Industria 4.0 sempre a Castellanza: due importanti nuovi asset a disposizione del gruppo industriale Comerio Ercole, sempre più focalizzato verso l’innovazione tecnologica nel comparto di produzione di macchine ed impianti per la lavorazione delle materie plastiche, della gomma e dei tessuti non-tessuti.

“Il grafene – dicono alla Comerio Ercole – ha sicuramente ampie possibilità di utilizzo in tutti i comparti di lavorazione pertanto è particolarmente importante l’accordo odierno che apre un nuovo fronte di ricerca per disporre di macchinari performanti per i nuovi processi di produzione che verranno sviluppati”.

Copyright @2020

NELLA STESSA CATEGORIA