Flash mob in via Milano, sabato 17 alle 10.00
“No alla piazzata reale”. Il comitato antifascista organizza la contro-inaugurazione

“Gridiamo vergogna per questa scelta e chiamiamo gli antifascisti e quanti hanno a cuore la nostra Costituzione, a partecipare alla contro-inaugurazione in programma in via Milano alle ore 10.00 del 17 novembre con canti di lotta e resistenza e il flash-mob “Ho visto un re. Sa la vist cus’è”, per ribadire che la Città non ci sta a queste grandi e clownistiche piazzate”

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

C’è una inaugurazione ufficiale della nuova piazza Vittorio Emanuele II, in programma sabato 17 novembre alle ore 11.30. E ci sarà una contro-inaugurazione, al ritmo di “Ho visto un re. Sa la vist cus’è”, organizzata dal Comitato Antifascista cittadino. A tal proposito, riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa diffuso dal comitato, contro la presenza in città di Emanuele Filiberto di Savoia.

“Al di là del discutibile risultato architettonico ottenuto, al di là dei costi, non solo economici, sostenuti dalla collettività per fare spazio ad un progetto che più e più volte ha generato divisioni tra i cittadini, mai ci saremmo attesi di veder convocato per l’inaugurazione della piazza il regal rampollo di casa Savoia. Ѐ singolare e allarmante infatti, che nel centenario della Prima Guerra Mondiale, la cui causa non può non essere imputata alla responsabilità di casa Savoia, ad 80 anni esatti dalla firma ingloriosa dello stesso Savoia delle leggi razziali del governo fascista (il Regio Decreto 1728 del 17 novembre 1938), sceso a patti con i nazisti, generando morte e flagello per l’Italia intera, il sindaco della Città di Busto Arsizio, medaglia di Bronzo per la Resistenza, chiami l’ultimo rampollo di questa sciagurata casa “reale” per inaugurare una piazza.

Ѐ l’ultimo dei tanti atti divisivi che questo sindaco e la sua amministrazione hanno perpetrato da quando governano la nostra Città. Dopo l’oltraggio alle celebrazioni del 25 Aprile, dopo l’anonima e insignificante commemorazione della prima guerra mondiale del 4 novembre scorso, eccoli tutti di nuovo in piazza per l’ennesima provocazione. Dopo i tanti tentativi di revisionismo storico attuati dalla destra, la decadenza delle Istituzioni si materializza in Città, con la presenza del “principe”, che non paga neppure le tasse in Italia perché residente anche in Svizzera. Gridiamo vergogna per questa scelta e chiamiamo gli antifascisti e quanti hanno a cuore la nostra Costituzione, a partecipare alla contro-inaugurazione in programma in via Milano alle ore 10.00 del 17 novembre con canti di lotta e resistenza e il flash-mob “Ho visto un re. Sa la vist cus’è”, per ribadire che la Città non ci sta a queste grandi e clownistiche piazzate.

Il Comitato Antifascista Città di Busto Arsizio”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA