DA VENERDÌ 20 A DOMENICA 22 SETTEMBRE AL MUSEO DEL TESSILE
Comunità Giovanile festeggia i trent’anni: “Il sogno di Giovanni deve continuare”

Nel weekend si apre la festa per il trent’anni di Comunità Giovanile. Alla presentazione ufficiale dell’evento, il ricordo dei presidenti che si sono succeduti in questi anni e l’augurio per il futuro

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

“Sono fiero di firmare i trent’anni di Comunità Giovanile. Se sono sindaco lo devo a loro”. Così Emanuele Antonelli presenta la grande festa per il trentesimo compleanno di Comunità Giovanile che sarà ospitata da venerdì 20 a domenica 22 settembre al Museo del Tessile.

“Ho il cruccio di non aver conosciuto personalmente Giovanni Blini ma ho conosciuto sua sorella Elena e il papà, era sempre presente in quel luogo che era il sogno di suo figlio e so quanto voleva bene ai suoi ragazzi. In questi anni mi hanno sempre sostenuto e sono orgoglioso di essere il sindaco dei trent’anni di Comunità Giovanile”.

L’assessore Paola Magugliani ricorda: “Ero una ragazzina quando sono entrata in Comunità Giovanile. Lì ho scoperto il valore del senso civico e l’importanza di lavorare per la comunità in modo disinteressato. Un insegnamento di cui  ho fatto tesoro anche nella mia esperienza amministrativa”.

Per la presentazione dell’evento si sono riuniti a Palazzo Gilardoni tanti dei presidenti che si sono succeduti in questi anni e che hanno voluto lasciare un ricordo di Comunità Giovanile ed un augurio per il futuro. “Con questo trentennale si chiude un percorso, in maniera molto positiva. È un sigillo importante. La festa ricade in una data simbolica, carica di significato che rievoca la festa tolkeniana e anche il giorno prima dell’ultimo viaggio di Giovanni Blini ”, sottolinea Checco Lattuada. “Comunità Giovanile nasce seguendo un mondo ideale. Le radici profonde non gelano – evidenzia Umberto Crespi – Oggi, per Comunità, la sfida è ancora più dura perché i punti di riferimento sono pochi e non è facile coinvolgere le nuove generazioni. Rimane una palestra di vita e di impegno”.  Per Stefano Gussoni “è motivo di orgoglio essere stato presidente. Auguro in bocca al lupo a chi ha la responsabilità di portare avanti questo cammino”.

Il nuovo presidente dell’associazione di Vicolo Carpi, il 24enne Francesco Maria Pannilini, afferma: “Mi impegnerò a rinnovare per portare avanti questo sogno. Siamo un gruppo molto unito”. Il consigliere comunale Orazio Tallarida ha ricordato di aver conosciuto Giovanni Blini, anche se solo per poco tempo: “Mi ha molto colpito. Avevamo progetti da portare avanti insieme nei nostri gruppi”.  Elena Blini, sorella di Giovanni, ringrazia tutti coloro che hanno tenuto viva la memoria di suo fratello. “Oggi la sfida è complicata, è tempo di trovare nuove rotte e modernizzare il messaggio”, sottolinea  Matteo Sabba.  L’auspicio è che la festa contribuisca ad avvicinare sempre più giovani e soprattutto volontari che possano garantire continuità al futuro della Comunità.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA