convegno all'ex cesil mercoledì 5 aprile
Con Area Giovani si parla di “Mafia: problema nazionale”

La neonata associazione giovanile di Castellanza organizza l’incontro “Mafia: un problema nazionale”. Appuntamento il 5 aprile alle ore 21.00

Area-Giovani-Castellanza

Luciano Landoni

castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il secondo appuntamento del percorso culturale tracciato dall’associazione “Area Giovani” di Castellanza (dopo l’incontro dedicato al referendum costituzionale dello scorso mese di dicembre) tocca uno dei mali atavici del nostro Paese: la mafia e la sua perversa capacità di diffondere ovunque il cancro della corruzione, della violenza e del malaffare.

Mercoledì 5 aprile, nell’aula magna dell’Istituto “Carolina Albasio” di Castellanza (ex-Cesil) a partire dalle 21.00, l’associazione culturale “Area Giovani” organizzerà l’incontro intitolato “Mafia: un problema nazionale”, con il patrocinio dei comuni di Castellanza e Busto Arsizio.

 

Vi prenderanno parte due componenti della Commissione Parlamentare Antimafia, il Senatore Franco Mirabelli e l’Onorevole Rosanna Scopelliti, oltre a Mattia Maestri, giovane ricercatore dell’Osservatorio sulla Criminalità Organizzata dell’Università degli Studi di Milano, e a Gian Antonio Girelli, presidente della Commissione Antimafia della Regione Lombardia, che introdurrà la serata; moderatore sarà Massimo Brugnone, consigliere comunale a Busto Arsizio e coordinatore regionale del movimento “Ammazzateci Tutti” dal 2007 al 2012.

Significative le parole, pronunciate dal magistrato Paolo Borsellino (un vero e proprio eroe dello Stato ucciso dall’antistato 25 anni fa insieme con l’altro magistrato simbolo della lotta contro la mafia: Giovanni Falcone), scelte per sottolineare lo scopo principale dell’evento: “Se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo”. Un messaggio di coraggio, determinazione e speranza.

 

A meno di dodici mesi dalla nascita di “Area Giovani”, sono oltre cinquanta i tesserati come soci sostenitori; tra questi, sei sono entrati a far parte del Consiglio Direttivo dell’Associazione: Luca Croci, Mattia Borroni, Federico Monti, Niccolò Rossi, Davide Barella e Stella Tarantino.

“Essere riusciti a coinvolgere così tanti giovani nel giro di pochi mesi – dice il presidente Alessio Gasparoli – è per noi motivo di grande soddisfazione. La speranza è quella di proseguire con passione ed entusiasmo per sensibilizzare sempre più giovani sulle principali tematiche di interesse generale. Ci tengo a precisare che abbiamo invitato tutti i presidi delle scuole di Busto Arsizio, Castellanza e Legnano – conclude Gasparoli – per sensibilizzare i loro studenti, oltre alle associazioni del nostro comune e di Busto Arsizio e a tutti i componenti della Commissione Antimafia di Regione Lombardia”.

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA