“IL CONTRIBUTO È INSUFFICIENTE”
“Con un avanzo del genere si poteva fare di più”

Pur accogliendo con favore l’annuncio della maggioranza riguardo all’adeguamento del contributo erogato alle scuole materne olgiatesi, i rappresentanti del Gruppo Indipendente hanno voluto sottolineare come secondo loro sia necessario impegnarsi ancora di più nel sostegno a queste importantissime realtà

Loretta Girola

olgiate olona

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Pur accogliendo con favore l’annuncio della maggioranza riguardo all’adeguamento del contributo erogato alle scuole materne olgiatesi, i rappresentanti del Gruppo Indipendente hanno voluto sottolineare come secondo loro sia necessario impegnarsi ancora di più nel sostegno a queste importantissime realtà.

“La commissione materne che si è svolta nelle scorse settimane – spiegano Alda Acanfora, Gianfranco Roveda e Giorgio Volpi – da sempre si riunisce per permettere al Comune e alle Materne di lavorare congiuntamente, e nel mentre aggiornare la convenzione che regola il sostegno e gli adempimenti, e questo è un vantaggio per tutti, perché se l’amministrazione dovesse fornire direttamente questo servizio la Comunità si troverebbe ad affrontare dei costi da capogiro. A Olgiate ci sono 312 bambini, dai 3 ai 6 anni, che usufruiscono di questo servizio e il sostegno comunale annuale, sino ad oggi di 252mila euro, sembrava rilevante sino a che la cifra non veniva divisa per il numero dei bambini e il costo di gestione delle strutture; allora si rilevava essere il limite minimo indispensabile. Dopo le nostre sollecitazioni del 2016 e 2017, in cui non è avvenuto nulla, per il 2018 l’Amministrazione ha finalmente erogato un contributo straordinario di 18mila euro, saltando però l’adeguamento del 2017, e in sede di commissione è stato comunicato che il contributo da straordinario è passato a ordinario, portando la cifra totale a 270mila euro.

Aumentare il sostegno in convenzione è sicuramente un atto tanto positivo quanto dovuto, anche se in ritardo di 2 anni; ma la somma da stanziare può e dovrebbe essere aumentata, anche perché, non potendo sostenere lavori di manutenzione degli stabili, l’Amministrazione dovrebbe rendersi anche disponibile a prendersi carico alcuni progetti educativo/didattici dell’offerta formativa, liberando così risorse della materna utili per altri scopi, collaborando inoltre per semplificare l’accesso ai fondi esterni, privati e pubblici. Inoltre per il prossimo anno scolastico i dati prevedono una diminuzione delle iscrizioni, e anche questo avrà una ricaduta economica sulle materne, poiché ne deriveranno minori entrate, ma i costi fissi rimarranno immutati. Si tratta di numeri che a prima vista possono erroneamente non sembrare rilevanti, 12 iscritti in Centro, 3 al Gerbone e 9 al Buon Gesù, ma in una situazione come quella attuale le ricadute si faranno sentire. Considerato l’avanzo di amministrazione di 187 mila euro la nostra proposta è che si faccia di più a sostegno di queste importantissime realtà; con un avanzo rilevante perché il Sindaco sostiene che le risorse pubbliche sono sempre più limitate e che sono stati fatti sacrifici su altri capitoli per adeguare il contributo? Sostenere le realtà strategiche ed educative, spina dorsale della società e del suo futuro, è fondamentale. Secondo noi si deve rivedere il sostegno alle scuole, determinandolo in base al numero bambini e ai costi vivi per classe, e inoltre stiamo facendo un’attenta valutazione sull’evoluzione demografica comunale, per capire cosa prospetta il futuro affinché alle e scuole venga garantito un equilibrio economico/educativo sostenibile.

Il nostro compito è quello di offrire alle realtà educative il contributo necessario perché possano operare al meglio e serenamente anche di fronte alle difficoltà derivanti da minori iscritti o da lavori sulle strutture scolastiche, avendo una visione anche sul domani, amministrare una comunità significa responsabilità e lungimiranza nelle scelte, non adempimenti obbligati o di facciata”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA