Corsi via social
Gli arbitri della sezione di Busto ai tempi del Coronavirus

Il Coronavirus ferma i campionati di calcio ma non ferma gli arbitri: fischio d'inizio per il nuovo corso in diretta streaming giovedì 26 marzo

Igor Mutinari

busto arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il Coronavirus sta paralizzando l’Italia e anche il calcio, passatempo preferito degli italiani, si è dovuto inchinare alle precauzioni imposte dal governo. Dalla terza categoria fino a San Siro nessuno sta prendendo a calci un pallone. C’è però una squadra che non può fermarsi, deve cambiare gestione ma guarda sempre avanti. È quella degli arbitri.

La sezione di Busto Arsizio dell’Associazione Italiana Arbitri in primavera e in autunno lancia sempre un corso arbitri per reclutare nuovi associati e garantirsi il ricambio generazionale. Con il decreto in essere del governo la gente non può uscire di casa e un corso arbitri non sarebbe certo una reale esigenza lavorativa. L’idea trovata dal presidente Carrara e dal suo staff è quella di un corso via streaming sui canali Instagram e Facebook della sezione di via Espinasse. La presentazione del corso per le nuove giacchette nere (nostalgia soppiantata dai mille colori del marketing) sarà giovedì 26 marzo alle ore 20.30 e permetterà a tutti gli interessati di seguire online la prima serata.

La sessione primaverile del corso proseguirà con lezioni, a cura di arbitri e osservatori, on line con una serie di conference call aperte ai partecipanti. Il tutto in attesa di uscire dal tunnel della diffusione del contagio e poter concludere il corso in sede quando le autorità lo permetteranno in osservanza alle disposizioni ministeriali.

Al corso potranno partecipare tutte le persone (indistintamente uomini e donne) tra i 15 e i 35 anni di età per inseguire un sogno chiamato serie A. Dopo due mesi di lezione, chi risulterà idoneo inizierà a calcare i campi da calcio dei settori giovanili delle squadre locali, accompagnato da un tutor per poi provare la scalata alle categorie maggiori. Ogni patita darà diritto ad un rimborso spese su base chilometrica, mentre la tesser associativa permetterà l’ingresso a tutte le partire di calcio in Italia. Ai nuovi arbitri l’associazione fornirà il necessario per svolgere le proprie mansioni, ossia divisa, cartellini e fischietto. Gli studenti potranno riscattare anche i crediti formativi.

Per iscriversi al corso o richiedere informazioni maggiori si può scrivere alla mail [email protected]

Copyright @2020