Il 61enne viveva in città
Crimini contro l’umanità, arrestato a Busto ex ufficiale della Marina peruviana

L’uomo è accusato di crimini contro l’umanità. Avrebbe commesso molteplici omicidi all’interno del carcere El Frontòn, fucilando i detenuti incarcerati per terrorismo

Alessio Murace

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Raul Edgar Pavia Villanueva (61 anni), un ex ufficiale della Marina Militare del Perù, è stato arrestato venerdì scorso dai carabinieri della Compagnia di Busto Arsizio. L’uomo, che viveva in città, è accusato di crimini contro l’umanità. Il Tribunale Penale Nazionale di Lima, il 25 ottobre di quest’anno, ha emesso un provvedimento di cattura internazionale nei confronti dell’uomo, che ora ha 61 anni ed è accusato di molteplici omicidi commessi con l’aggravante della crudeltà nel 1986, all’interno del carcere El Frontòn.

A giugno di quell’anno ci furono forti repressioni militari al “El Frontòn” e all’interno di altre due carceri peruviane – San Juan de Lurigancho e Santa Bárbara – nelle quali si stavano verificando molte rivolte da parte dei detenuti incarcerati per terrorismo. In particolare, l’ex ufficiale della Marina Militare avrebbe fucilato alcuni detenuti dentro il carcere e altri mentre cercavano di fuggire a piedi verso il mare. Lo stesso Villanueva avrebbe anche ordinato la conservazione dei resti umani all’interno delle gallerie denominate “Pabellòn Azul”, resti poi inceneriti e seppelliti in diversi cimiteri peruviani.

I carabinieri di Busto Arsizio, ricevuta la segnalazione dagli uffici Interpol, a conclusione di una complessa attività di indagine hanno localizzato e arrestato l’uomo mentre viaggiava a bordo della sua autovettura, venerdì pomeriggio a Busto Arsizio. Il criminale internazionale è stato accompagnato nel carcere di via per Cassano, a disposizione della Corte d’Appello di Milano, in attesa dell’avvio delle procedure di estradizione.

Copyright @2017