Club “La Malpensa”
Dall’epopea Frogs al Flag Football: se ne è parlato al meeting Panathlon

Lo sport più popolare negli Usa protagonista del meeting del mese di settembre

Ottavio Tognola

FAGNANO OLONA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Spettacolare, coreografico, avvincente, passionale, intenso e fisicamente giocato ai più alti livelli di determinazione nel contatto con l’avversario per fare touchdown, il football americano ha anche in Italia una sua storia a far data dal 1977 con i Frogs e il primo campionato  sotto l’egida dell’Aifa (24 giugno 1978 allo stadio “Speroni” di Busto Arsizio vinto dai Rhinos Milano sui Frogs).

Nell’81 salgono a cinque le squadre al via del campionato e i Frogs si mettono da subito in evidenza. A ricordare quell’epopea ai massimi livelli italiani (sei scudetti e cinque superbowl persi tra gli anni 80 e 90) è stato uno dei protagonisti,Ettore Giuarneri, allora giocatore dei Frogs Legnano, oggi presidente della storica società di football americano. Con Guarneri presenti al meeting panathlon del mese di settembre il Prof. Lucarelli e la dottoressa Pecis.

Giovani come quelli che compongono oggi le “Tempeste” e praticano il flag football, fatto conoscere ai panathleti del “Club Malpensa”. Il flag football ha le stesse regole del football americano, senza però che vi sia il contatto fisico in quanto l’avversario non viene fermato dal placcaggio ma prendendo una bandierina attaccata alla cintura.

Giovani protagonisti del flag football, futuri giocatori di football americano? E quanto auspicano sia Ettore Guarneri sia Fabio Parma, Presidente dei Blue Storms Bust Arsizio, ospiti e relatori con Barbara Allaria, segretaria della FIDAF, e Andrea Fimiani, azzurro ex giocatore dei Lions Bergamo, al meeting panathletico.

Impegno e sacrificio il credo sportivo dei Frogs, sottolineato da Guarneri, ricordando la squadra che fu riferimento in Italia per oltre un decennio. Risultati storici che dopo la ricostruzione del 28 settembre 2017 si spera di poter ripercorrere un giorno, con l’obiettivo, oggi, di poter di nuovo dare ai giovani la possibilità di praticare il football americano grazie anche all’accordo di gemellaggio con i Seamen Milano.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA