ciclismo professionisti
Davide Formolo vince il titolo italiano in Alta Valtaro

Un numero da fuoriclasse autentico ha consegnato a Davide Formolo (Bora) la maglia tricolore. Il veronese ha vinto i Campionati Italiani di Ciclismo 2019, che si sono corsi domenica nell’Alta Valtaro. Una vittoria in solitaria per Formolo, che ha segnato la gara con un attacco da campione a 37 chilometri dal traguardo. Perfetta organizzazione che dà lustro al territorio

Ottavio Tognola

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Un numero da fuoriclasse autentico ha consegnato a Davide Formolo (Bora) la maglia tricolore. Il veronese ha vinto i Campionati Italiani di Ciclismo 2019, che si sono corsi domenica nell’Alta Valtaro. Una vittoria in solitaria per Formolo, che ha segnato la gara con un attacco da campione a 37 chilometri dal traguardo dei 226,9 complessivi della prova in linea con partenza da Borgotaro – nel Parmense – e arrivo sul traguardo di Compiano.

Così Formolo ha conquistato la maglia tricolore, diventando il nuovo campione italiano su strada. Ha dato tutto il veronese – che eredita la maglia tricolore da Elia Viviani – in una corsa in continua evoluzione, condizionata dal forte caldo e dai continui saliscendi. Secondo posto per Sonny Colbrelli (Bahrain Merida), che ha vinto la volata per quanto riguarda il gruppetto degli inseguitori giunto a 26’’ dal neo campione italiano. A completare il podio Alberto Bettiol (Ef Education First).

Tanti gli attacchi, in una corsa dura, divertente e combattuta tra la Val di Taro. Una bella kermesse, splendidamente organizzata dal Gruppo Sportivo Emilia e supportata dai sindaci e dal Comitato Promotore Alta Valtaro che hanno reso lustro al territorio in una prestigiosa vetrina qual è il campionato italiano professionisti di ciclismo.

Il podio tricolore. Sul gradino più alto Davide Formolo (Bora), secondo Sonny Colbrelli (Bahrain Merida), terzo Alberto Bettiol (Ef Education First)

Alcune foto della partenza da Borgotaro, della conferenza stampa di presentazione con ospiti Francesco Moser, il CT azzurro Davide Cassani e il giornalista Beppe Conti e la foto “alla fontanella” in ricordo del grande giornalista di ciclismo borgotarese Bruno Raschi

Il vincitore della prova a cronometro, tre volte campione del mondo inseguimento, Filippo Ganna (Ineos). A completare il podio Alberto Bettiol (Ef Education First) e Alessandro De Marchi (CCCteam)

Copyright @2019