Campionati di pallacanestro – Serie C Gold
Derby incrociati per Hydrotherm e Knights

Nella undicesima giornata del campionato di serie C Gold, la Hydrotherm va in trasferta sul campo sul campo di Nerviano contro una formazione che ha appena cambiato allenatore (palla a due domenica 8 alle ore 18), mentre i Knights attendono Gazzada tra le mura amiche (appuntamento sabato 7 alle ore 18)

Il fighter Niccolò Croci è in dubbio

Enrico Salomi

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nella undicesima giornata del campionato di serie C Gold, la Hydrotherm va in trasferta sul campo sul campo di Nerviano contro una formazione che ha appena cambiato allenatore (palla a due domenica 8 alle ore 18), mentre i Knights attendono Gazzada tra le mura amiche (appuntamento sabato 7 alle ore 18).

La Hydrotherm in trasferta contro il “nuovo” Nerviano
Torna in trasferta la Hydrotherm sul campo di Nerviano, contro una formazione ostica, che in questi giorni ha cambiato il proprio allenatore. In panchina, al posto di coach Andrea Mandrillo, si è infatti insediato il veteranissimo Massimo Corrado, che, tra l’altro, affronterà subito Busto Arsizio vestendo i panni dell’ex. I nero-verdi puntano dichiaratamente ai play-off, ma sono momentaneamente attardati in classifica e, nell’ultimo turno, hanno regalato il primo referto rosa stagionale alla Valceresio. Ora ecco subito l’occasione del riscatto contro una delle due capoliste del girone Ovest (palla a due domenica 8 dicembre alle ore 18 nella palestra di via Leonardo Da Vinci).

“La partita con Nerviano – presenta il match coach Gianni Nava – rappresenta una delle trasferte più impegnativa, visto il roster di ottimo livello costruito in estate e l’ambizione dei nostri avversari. Nelle loro file, infatti, militano giocatori di categoria superiore come Cozzoli (14 punti di media a partita per l’ex Sangiorgese) ed il pivot Priuli (9 punti e 8 rimbalzi di media a gara). Completano il quintetto la guardia Nuclich, il play Ceppi e l’ala Frontini, mentre dalla panchina si alzano il capitano Bandera, gli esterni Biraghi e Viganò ed il lungo Aceti. Non possiamo poi sottovalutare l’impatto psicologico del cambio di allenatore tra Andrea Mandrillo (esonerato dopo la sconfitta a Valceresio) e Massimo Corrado. Sicuramente provocherà una scossa importante nello spogliatoio e tutti i giocatori cercheranno di dare il massimo davanti alla nuova guida tecnica”.

Discrete notizie arrivano dalla infermeria. “Per quel che ci riguarda – conclude l’allenatore bustocco – dobbiamo segnalare alcuni piccoli problemi fisici per Azzimonti, Atsur e Vai, mentre Croci farà un controllo dopo la brutta botta subita al naso settimana scorsa con Desio. Fedrigo è recuperato, deve solo trovare la condizione ed il ritmo-partita visti i due mesi di stop”. I tifosi bustocchi, con il morale a mille per il successo di domenica contro Desio, stanno preparando l’esodo in massa a Nerviano.

I Knights con Gazzada per l’ultima casalinga dell’anno
Ultima partita casalinga dell’anno per Legnano, che affronterà Gazzada (appuntamento sabato 7 alle 18 al Knights Palace), seppur con Angiolini e Di Dio ancora in panchina infortunati. Il successivo turno esterno contro Mortara (sabato 14) e il riposo causa girone dispari (sabato 21), proietterà quindi i ragazzi di Silvio Saini direttamente al giorno della Befana. Gazzada, guidata da coach Paolo Garetto, sta disputando un campionato al di sotto delle aspettative della vigilia, ma è pur sempre formazione di tutto rispetto. Il quintetto-base è formato da Luca BellottiJacopo LepriPaolo ColnagoDani Koljanin e Damiano Verri. Belotti (classe 1993) è il playmaker titolare ed il miglior realizzatore della squadra con 16.1 punti di media: di formazione Campus e Robur Varese, è alla sua seconda annata consecutiva al 7 Laghi. In coppia con Belotti giostra Lepri (playmaker del 1995): cresciuto sull’altro colle cestistico varesino (Pallacanestro Varese), ha assaggiato la serie A, poi è approdato a Gazzada, quindi a Oleggio, poi 3 anni alla Valceresio e, questa estate, è ritornato a Gazzada (per lui 10 punti in 33’, con circa il 40% dal campo). L’altro esterno titolare è Colnago: atletica guardia-ala classe 1991, 13 punti e 3.5 assist in 37’ di media, il figlio del conduttore sportivo di Sky Pietro Colnago è cresciuto nelle giovanili dell’Olimpia Milano, prima delle esperienze a Casalpusterlengo, Crema, Bernareggio, Martina Franca, Olginate, Nerviano e, da questa estate, a Gazzada. Vicino a canestro c’è il 19enne Koljanin, atleta serbo appena uscito dalla Ncaa, il quale, in 26’, produce 5.6 punti e 9.2 rimbalzi ad allacciata di scarpe. A completare il quintetto ecco il solido pivot Verri: 206 centimetri, originario di Parma, ha militato quasi sempre in A e B tra Verona, Brescia, Osimo, Rovereto, Cus Torino, Martina Franca, Monsummano, Desio e Pallacanestro Varese, prima di tuffarsi nelle minors a Gazzada questa estate. Dalla panchina entrano Elia SomaschiniGaetano SperaStefan Milic e Manuel Pastori. Somaschini, da 5 anni in maglia giallo-blù, è il capitano e la bandiera del team, a parte le esperienze precedenti in maglia Valceresio, Valsesia, Campus Varese e Robur et Fides. Il lunghissimo pivot Spera (211 centimetri d’altezza, 9.6 punti e 7 rimbalzi di media a partita) si è formato in C alla Partenope Napoli, prima del salto in A-2 con Chieti e Viola Reggio, che hanno preceduto le militanze nelle minors tra Empoli, Martina Franca, Lecco ed Olginate. Infine i due giovani Milic e Pastori.  Il primo, guardia del 2000 cresciuta a Trieste, ha assaggiato la A-2, ma si è formato in C alla Servolana, da cui è arrivato a stagione in corso; il secondo, invece, è un lungo nato nel vivaio dell’Olimpia Milano, prima delle tappe a Bernareggio ed Opera. A completare il roster varesino ci sono Alessio LorenzoMatteo GhirimoldiFabio PitarresiMarco Remonti Andrea Syku.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA