Gradito regalo per il reparto dell’ospedale cittadino
Donata un’apparecchiatura alla Pediatria nel ricordo di Emy

Grande festa nel reparto di Pediatria dell’Ospedale di Busto Arsizio, in occasione della donazione da parte dell’Associazione “Gli amici di Emy”. “Continueremo a portare avanti progetti di beneficenza perché Emy amava dare più che ricevere”

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Grande festa nel reparto di Pediatria dell’Ospedale di Busto Arsizio, in occasione della donazione da parte dell’Associazione “Gli amici di Emy”. Emy ci ha lasciati nel mese di giugno 2017, dopo aver lottato a lungo contro un male spietato. Dal dolore che ha colpito i famigliari di Emanuela Scala, è nata un’associazione che ne mantiene vivo il ricordo attraverso eventi di solidarietà e beneficenza. “Emy era energica, buona, generosa, attenta nei confronti dei bisognosi – ricordano il marito Stefano Morosi e la consigliera dell’Associazione Silvana Temporiti – e continueremo a portare avanti progetti di beneficenza perché Emy amava dare più che ricevere, questa era la luce della sua anima, la stessa dei suoi occhi”.

Nella colorata e ospitale Sala Giochi del reparto, in presenza del Primario e del Coordinatore Infermieristico, dei Medici e delle Infermiere, è stato aperto un grosso pacco contenente un’apparecchiatura utile per il trattamento dell’insufficienza respiratoria.

“Un regalo di importanza prioritaria – dice il Primario Simonetta Cherubini – e ce ne rendiamo conto ogni anno, proprio in questa stagione, allorquando la patologia infettiva delle vie respiratorie fa registrare un aumento del numero dei ricoveri, soprattutto di neonati e lattanti, i quali rappresentano la fascia d’età più fragile e più soggetta ad ammalarsi di forme respiratorie: fra queste, la più temibile è la bronchiolite, spesso associata ad insufficienza respiratoria.

Lo strumento si aggiunge ad altri già donati al reparto, tutti necessari, in quanto l’esperienza – precisa Cherubini- ci insegna che il trattamento tempestivo in fase iniziale di malattia, permette nella maggior parte dei casi di evitare l’evoluzione sfavorevole del quadro clinico respiratorio. Pertanto, è necessario avere in dotazione un numero di apparecchiature adeguate all’attività del reparto e alla casistica, così da permettere un’assistenza clinica di qualità a tutti i bambini, non appena presentino difficoltà respiratoria. Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del progetto”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA