Calcio, Serie D
Dro-Pro Patria 1-1. Il solito Santana evita la beffa

Con la Pro in inferiorità numerica, Santana evita la sconfitta beffa dopo il vantaggio dei trentini su autogol di Colombo. Mister Javorcic: “Abbiamo fatto tutto noi”. In classifica i tigrotti scivolano al terzo posto

Mattia Brazzelli Lualdi

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Merita di vincere, rischia di perdere, ma alla fine pareggia in inferiorità numerica. La Pro Patria esce con un punto comunque prezioso dalla trasferta trentina in quel di Dro, conservando non il primato in classifica (appannaggio del Rezzato, ora a +2 ma con una gara in più), ma se non altro l’imbattibilità in campionato.
Dopo un primo tempo essenzialmente bloccato, con i trentini bravi a chiudere tutti gli spazi ai tigrotti, nella ripresa i biancoblù di Javorcic partono a razzo: il neo entrato Gucci coglie il palo, Pedone impegna Chimini, mentre Santana sfiora il bersaglio grosso su punizione. Il gol sembra nell’aria, ma a realizzarlo è invece a sorpresa il Dro, avanti al 65’ grazie allo sfortunato autogol di Colombo. La beffa, per la Pro – rimasta in dieci per la doppia ammonizione di Scuderi – sembra davvero dietro l’angolo, ma al 79’ Santana – sempre lui – firma da sotto misura (assist al bacio di Pedone) il meritato pareggio (per l’argentino è la settima meraviglia in campionato – sui nove gol di squadra – in 469’ minuti giocati).

“Per come si era messa la partita – osserva mister Javorcicpoteva andare peggio: abbiamo sbagliato qualche gol, abbiamo preso un palo, ci siamo fatti gol da soli, abbiamo giocato uno in meno, ma alla fine abbiamo comunque pareggiato. Tirando le somme c’è da essere contenti, anche se dentro questa contentezza ci sono tante cose da migliorare. Prendiamoci questo punto e andiamo avanti”. In classifica i bustocchi, ora terzi a quota 14 punti a pari merito con il Darfo Boario ed il Pontisola (di scena domenica prossima allo Speroni), vengono superati anche dalla Virtus Bergamo.

PRIMO TEMPO

In un angolo di Trentino colorato di biancoblù, grazie ai tanti tifosi bustocchi presenti in trasferta, mister Javorcic – privo degli infortunati Di Sabato e Bortoluz – si affida a Pedone a centrocampo, consegnando una maglia da titolare a Colombo, preferito all’ex di turno Molnar.

00′ – Calcio d’inizio: Pro in campo con la gloriosa maglia biancoblù, Dro in gialloverde

05′ – I tifosi bustocchi (non si vedono ancora gli ultras) si fanno sentire

10′ – Il Dro prova a dar fastidio, la difesa tigrotta si destreggia bene

15′ – Poche emozioni in campo: intanto si registrano le prime reti della domenica, di Levico e Ciliverghe

20′ – Partita bloccata: i trentini in casa non hanno ancora subito gol

25′ – Dopo Bertoldi, anche Scuderi (cartellino giallo per un fallo tattico) finisce sul taccuino dell’arbitro De Leo

31′ – Le Noci rompe la monotonia: palla a fil di palo. Pro vicina al vantaggio

35′ – Pro in crescendo: gol annullato a Le Noci per off side. Decisione da rivedere: ci vorrebbe il Var

40 ‘ – Si sentono anche gli ultras biancoblù, arrivati a gara inoltrata

45’ – Dopo un minuto di recupero, con il Dro che reclama un penalty nel finale per un intervento in area di Zaro, squadre negli spogliatoi: all’intervallo risultato inchiodato sullo 0-0. La Pro chiude in crescendo, ma non basta per scardinare il bunker trentino: da rivedere il gol annullato a Le Noci

SECONDO TEMPO

Un cambio forzato nelle file biancoblù: Javorcic deve inserire Gucci per Le Noci, alle prese con un fastidio muscolare. Dentro anche Arrigoni per Galli.

00′ – Ripartiti

02′ – Palo della Pro con il neo entrato Gucci: tigrotti sfortunati

05′ – Avvio di ripresa a tutta Pro! Ci prova anche Pedone: manca solo il gol

10′ – Monologo biancoblù. Santana su punizione: fuori di poco

15′ – Destro di Arrigoni: a lato

20′ GOL DRO – Su cross di Pilenga, Colombo tocca, la palla si impenna e mette fuori causa Guadagnin: autogol 

24′ – Seconda ammonizione per Scuderi e cartellino rosso: Pro in dieci

30′ – Gara in salita: dentro Chiarion per Cottarelli

34′ GOL PRO PATRIAAncora lui, sempre lui: Santana! Stavolta da sotto misura, su assist di Pedone: 1-1

35′ – Quarto cambio per Javorcic: è il momento di Mozzanica

40′ – Javorcic si gioca tutti i cambi: dentro anche Ugo

50′ – Dopo cinque di recupero, ecco il triplice fischio finale: fra Dro e Pro Patria è 1-1. Dopo il palo di Gucci, l’incredibile autogol di Colombo e l’espulsione di Scuderi, ad evitare la sconfitta beffa ci pensa sempre lui: Mario Alberto Santana, al settimo centro in campionato

IL TABELLINO

Dro-Pro Patria: 1-1 (0-0)

Marcatori: Colombo aut. al 20’st, Santana al 34’st

DRO ALTO GARDA: Chimini, Corradini, De Min, Bertoldi (dal 21’st Karamoko), Tobanelli, Guarino, Greco (dal 7’st Mauceri), Mengoli (dal 41’st Kumrjia), Sartori, Melchiori, Pilenga (dal 40’st Grossi). A disposizione: Di Piero, Orlando, Allegretti, Giacco, Ettahiri. Allenatore: Michele Ischia.

PRO PATRIA: Guadagnin, Scuderi, Colombo, Cottarelli (dal 31’st Chiarion), Pettarin (dal 35′ st Mozzanica), Gazo, Galli (dal 1’st Arrigoni), Pedone (dal 35’st Ugo), Le Noci (dal 1’st Gucci), Santana. A disposizione: Mangano, Marcone, Molnar, Ghioldi. Allenatore: Ivan Javorcic

ARBITRO: Angelo De Leo di Molfetta (Laura Cordani di Piacenza, Francesco Facchini di Bologna)

NOTE – Giornata soleggiata. Spettatori 400 ca. Espulso: Scuderi al 24’st per doppia ammonizione. Ammoniti: Bertoldi, Scuderi, Karamoko, Zaro, Melchiori. Calci d’angolo: 7-5. Minuti di recupero: pt 0′, st 5′

RISULTATI

Caravaggio-Rezzato: 1-3, Dro-Pro Patria: 1-1, Bustese-Levico Terme: 1-1, Ciserano-Darfo Boario: 1-1, Lumezzane-Lecco: 2-2, Pergolettese-Trento: 2-2, Pontisola-Grumellese: 3-0, Scanzorosciate-Ciliverghe Mazzano: 0-2, Virtus Bergamo-Romanese: 3-1. Riposa: Crema.

CLASSIFICA

Rezzato punti 16; Virtus Bergamo 15; Pro Patria*, Darfo Boario, Pontisola 14; Ciliverghe Mazzano 13; Pergolettese* 11; Crema*, Levico Terme, Caravaggio 9; Bustese*, Ciserano 8; Lecco, Trento 7; Dro 6; Scanzorosciate* 5; Romanese* 4; Grumellese* 3; Lumezzane 1 (* una gara in meno)

PROSSIMO TURNO

Domenica 15 ottobre (ore 15)Pro Patria-Pontisola, Lecco-Ciserano, Romanese-Caravaggio, Ciliverghe-Bustese, Crema-Dro, Darfo-Scanzorosciate, Grumellese-Virtus Bergamo, Levico-Pergolettese, Rezzato-Lumezzane. Riposa: Trento.

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA